Pasquale Cavaliere

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Pasquale Cavaliere (Gragnano, 24 febbraio 1958Córdoba, 6 agosto 1999) è stato un politico e ambientalista italiano. Cavaliere è stato consigliere regionale in Piemonte per i Verdi a partire dal 1995.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Secondo di 9 fratelli, emigra ancora piccolo a Cirié, in provincia di Torino insieme alla famiglia. Dopo la scuola dell'obbligo, inizia a lavorare come apprendista in diverse fabbriche della zona e dopo essere stato assunto come operaio in una piccola industria metalmeccanica cittadina, diventa delegato sindacale e guida molte battaglie per migliorare le condizioni di lavoro all'interno dello stabilimento.[1]

A partire dal 1975 entra a far parte di Democrazia Proletaria[2] ed è animatore di diverse iniziative nella città, oltre che fondatore di alcune pubblicazioni di controinformazione come Cheffare, L'altra Ciriè e della cooperativa In/contro.

Nel 1989 è tra i membri fondatori del Verdi Arcobaleno[3]. A partire dal 1995 è consigliere della regione Piemonte e nel 1999 entra nella segreteria nazionale dei Verdi.[4].

Nel 1997 Cavaliere sollecita il Consiglio Regionale ad affrontare il problema della fame nel mondo. Benché rappresentante dell'opposizione, a riconoscimento del suo impegno personale viene nominato coordinatore del Comitato regionale di Solidarietà che definirà come stanziare 1.800 milioni di lire a favore di Africa subsahariana, Maghreb e Corno d’Africa. In autunno accusa di scorrettezze amministrative l'assessore al Turismo Antonello Angeleri, che poco dopo si trova costretto a rassegnare le dimissioni.[5]

Nel suo tentativo di creare un dialogo con i centri sociali, riceve nel 1998 un pacco bomba, inviato anche a Giuliano Pisapia e ad altri esponenti della sinistra.[6] È anche l'ultimo a parlare con Edoardo Massari, un giovane anarchico morto suicida in carcere.

Muore a Córdoba, in Argentina, il 6 agosto 1999, un suicidio, anche se questa ipotesi è stata messa in dubbio.[7] Cavaliere, che si era interessato in passato del problema dei Desaparecidos del regime dei colonnelli[8], si era recato in Argentina per riaccompagnare il figlio dalla madre nel suo paese.[9].

In sua memoria è stata dedicata una piazzetta nella città di Ciriè, adiacente all'antica torre di San Rocco e a lui è stato intitolato l'Ecoistituto del Piemonte Pasquale Cavaliere.[10] Su di lui è stato scritto il libro di Davide Pelanda Il Cavaliere dell'Arcobaleno per l'editrice Ananke, pubblicato nel 2009.[11]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Pesi insostenibili[collegamento interrotto], girasoleonline.org. URL consultato il 4 gennaio 2013.
  2. ^ Fabio Balocco, In ricordo di Pasquale Cavaliere, ilfattoquotidiano.it, 3 gennaio 2012. URL consultato il 4 gennaio 2013.
  3. ^ pubblicazionela Repubblica, Suicida il leader dei verdi torinesi, 8 agosto 1999. URL consultato il 4 gennaio 2013.
  4. ^ Edoardo Girola, Caso squatter, ancora un suicidio, in Corriere della Sera, 8 agosto 1999. URL consultato il 4 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale in data pre 1/1/2016).
  5. ^ Gli atti del Consiglio Archiviato il 4 marzo 2016 in Internet Archive.
  6. ^ (ES) Jorge Camarasa, Soledad es un recuerdo explosivo en Turín, in La Nación, 10 agosto 1998. URL consultato il 4 gennaio 2013.
  7. ^ Pasquale, non ti dimenticheremo, in La Stampa, archiviolastampa.it, 17 agosto 1999. URL consultato il 4 gennaio 2013.
  8. ^ Giovanni Miglioli, Desaparecidos: la sentenza italiana contro i militari argentini, manifestolibri, 2001, ISBN 978-88-7285-240-8.(consultabile anche online)
  9. ^ Notizie flash: 2/A edizione (4) - La Cronaca, adnkronos.com, 7 agosto 1999. URL consultato il 4 gennaio 2013.
  10. ^ L’Ecoistituto del Piemonte "Pasquale Cavaliere", dors.it. URL consultato il 4 gennaio 2013.
  11. ^ Il Cavaliere dell'Arcobaleno al Teatro Agnelli per Pasquale Cavaliere (26 giugno), ecoditorino.org. URL consultato il 4 gennaio 2013.