Partito Comunista Operaio Russo - Partito Rivoluzionario dei Comunisti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il Partito Comunista Operaio Russo - Partito Rivoluzionario dei Comunisti (in russo: Российская коммунистическая рабочая партия - Революционная партия коммунистов, РКРП-РПК, Rossiiskaya Kommunističeskaya Rabotsaya Partiya – Revolyutsionnaya Partiya Kommunistov, RKRP-RPK) è un partito politico comunista della Federazione Russa.

È stato fondato nell'ottobre del 2001, a seguito dell'unificazione del Partito Comunista Operaio Russo e del Partito dei Comunisti della Russia, con l'obbiettivo di ristabilire il Socialismo e l'URSS. Il PCOR-PRC è guidato da Viktor Tyulkin (è stato co-presidente con Anatolii Kriuchkov fino alla morte di quest'ultimo nel 2005). Alle elezioni del 1999 per la Duma, il partito ha ottenuto un consenso del 2,2% con 1.48189 milioni di voti.

Il PCOR-PRC considera il Partito Comunista della Federazione Russa (PCFR) di Gennadij Zjuganov come un partito riformista e revisionista. Pubblica il giornale Trudovaja Rossija (Трудовая Россия; «Russia dei lavoratori») e la rivista Sovetskij Sojuz (Советский Союз; «Unione Sovietica»). El PCOR-PRC ha sostenuto tutte le principali occupazioni e scioperi in Russia. È inoltre legato al sindacato russo «Zashchita» e dichiara di avere 55.000 iscritti (2006).

L'organizzazione giovanile del PCOR-PRC si chiama LJCR (b) (Lega della Gioventù Comunista Rivoluzionaria (bolscevica)) ed è una della organizzazioni comuniste giovanili più attive in Russia. La LJCR (b) è guidata da Alexander Batov.