Papassino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Papassìno
Durcis.jpg
I papassini sono quelli in mezzo al cesto
Origini
Luogo d'origine Italia Italia
Regione Sardegna
Zona di produzione Tutto il territorio regionale
Dettagli
Categoria dolce
Riconoscimento P.A.T.
Settore Paste fresche e prodotti di panetteria, pasticceria, biscotteria e confetteria
Ingredienti principali
  • Farina
  • Zucchero
  • Uova
  • Mosto cotto
  • Mandorle
  • Uva passa
  • Noci
 

Il papassinu o papassina (italianizzato in papassino) è un dolce tipo della Sardegna, chiamato anche pabassinu, pabassino o pabassina (al singolare) e papassinos, pabassinas, pabassinos, e in italiano papassini (al plurale). Tradizionalmente sono preparati per la ricorrenza di Ognissanti[1]. Sono fatti da un impasto di pasta frolla e uva passa, mandorle, noci, scorza di limone (o arancia) grattugiata e miele, e cotti al forno ad una temperatura di 200°. Gli ingredienti tipo sono: farina 00, uva sultanina, zucchero, uova fresche, vino cotto (sapa), margarina vegetale, mandorle, latte e lievito chimico.[2]

Il nome deriva dal vocabolo papassa o pabassa che in lingua sarda significa uva sultanina. Ogni paese dell'Isola prepara il dolce in diversi modi e gli ingredienti variano a seconda della regione storica ma sempre con la costante presenza dell'uva passa. La loro preparazione è legata alle ricorrenze autunnali, periodo nel quale l'uva passa raggiunge la maturazione[2][3].

Nella parte meridionale dell'Isola sono aromatizzati con ingredienti quali cannella e vaniglia mentre nella parte settentrionale prevalgono le scorze di arancio e di limone insieme ai semi di finocchio selvatico. L'area di maggiore diffusione è la Sardegna centrale.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Ricetta Papassinu (Papassini) di S.Antonio, su taccuinistorici.it. URL consultato il December 28, 2016.
  2. ^ a b Regione Autonoma della Sardegna Ersat, Papassino (PDF), in sardegnaagricoltura.it, Ersat.Regione Sardegna. URL consultato il 3 maggio 2011.
  3. ^ Ricetta Papassini di Ittiri, su Cucchiaio d'Argento. URL consultato il December 28, 2016.