Pamela Rendi-Wagner

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Pamela Rendi-Wagner
2019 Pamela Rendi-Wagner (32995117698) (cropped).jpg
Pamela Rendi-Wagner nel 2019

Presidente del Partito Socialdemocratico d'Austria
In carica
Inizio mandato 24 novembre 2018
Predecessore Christian Kern

Ministro della salute e delle donne d'Austria
Durata mandato 8 marzo 2017 –
18 dicembre 2017
Presidente Alexander Van der Bellen
Capo del governo Christian Kern
Predecessore Sabine Oberhauser
Successore Beate Hartinger-Klein

Dati generali
Partito politico Partito Socialdemocratico d'Austria
Titolo di studio Laurea in medicina
Università Università di Vienna
Professione Medico
Firma Firma di Pamela Rendi-Wagner

Pamela Rendi-Wagner (Vienna, 7 maggio 1971) è un medico e politico austriaco, dal novembre 2018 presidente del Partito Socialdemocratico d'Austria, prima donna a ricoprire tale ruolo.[1] Dal marzo 2017 a dicembre 2017 è stata ministro della salute e delle donne. Dal novembre 2017 è membro del Consiglio nazionale e dall'ottobre 2018 è anche la leader parlamentare del suo partito[2][3].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuta nel decimo distretto di Vienna come figlia di una giovane madre single, ha frequentato la GRg 12 Erlgasse a Meidling e si è laureata in medicina nel 1989 presso la facoltà di medicina dell'Università di Vienna, dove ha conseguito il dottorato nel 1996. Successivamente ha studiato alla London School of Hygiene and Tropical Medicine, dove si è specializzata in infezioni e salute. Nel 1997 consegue il diploma di igiene e medicina tropicale e il Master of Science (MSc) presso il Royal College of Physicians.

Nel 1998 Wagner è tornata all'Università di Vienna lavorando sino al 2002 nel Dipartimento di profilassi specifica e medicina tropicale; quindi, dal 2002 al 2003, presso il Dipartimento di Malattie Infettive e Medicina Tropicale del Kaiser-Franz-Josef-Spital e dal 2003 al 2007 di nuovo presso l'Università di Medicina di Vienna nel Dipartimento di profilassi specifica e medicina tropicale e Centro di medicina di viaggio. In qualità di leader del progetto, Rendi-Wagner ha creato una rete per la completa sorveglianza epidemiologica di importanti malattie infettive. Come parte della ricerca, l'intervallo raccomandato per le vaccinazioni con zecche è stato anche aumentato da tre a cinque anni. Successivamente ha lavorato a livello internazionale come scienziata nei campi dell'epidemiologia delle infezioni e della prevenzione dei vaccini. Tra il 2008 e il 2011 è stata visiting professor al Dipartimento di Epidemiologia e Medicina Preventiva dell'Università di Tel Aviv in Israele. Tra il 2012 e il 2017 è stata visiting professor presso il Center for Public Health della Medical University di Vienna. Dal 2011 al 2017 Rendi-Wagner ha assunto la gestione della Sezione III, "Salute pubblica e affari medici", presso il Ministero federale della sanità, ed è stata presidente dell'Ufficio federale della sicurezza in sanità (BASG) e membro della Commissione federale della sanità.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Pamela Rendi-Wagner è sposata con l'ex ambasciatore austriaco in Israele ed ex capo del gabinetto dell'ex ministro della Cancelleria Thomas Drozda (SPÖ), Michael Rendi. La coppia ha due figlie.[4][5]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (DE) ORF at/Agenturen red, 97,8 Prozent: Rendi-Wagner zur SPÖ-Parteichefin gewählt, su news.ORF.at, 24 novembre 2018. URL consultato il 2 giugno 2019.
  2. ^ (DE) Dr. Pamela Rendi-Wagner, MSc, Biografie, su parlament.gv.at. URL consultato il 2 giugno 2019.
  3. ^ (DE) SPÖ-Präsidium designiert Rendi-Wagner als Parteichefin - derStandard.at, su DER STANDARD. URL consultato il 2 giugno 2019.
  4. ^ (DE) Pamela Rendi-Wagner: Viel mehr als die bessere Hälfte, in Oberösterreichische Nachrichten, 4 giugno 2011. URL consultato il 7 marzo 2017.
  5. ^ (DE) Drozda holt Top-Diplomat ins Team, in Kurier, 19 maggio 2016. URL consultato il 7 marzo 2017.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN306275622 · GND (DE1046816020 · WorldCat Identities (ENviaf-306275622