Palazzo Capodilista

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Palazzo Capodilista
043PadovaPalCapodilista.JPG
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneVeneto
LocalitàPadova
IndirizzoVia Umberto I, 82 - 35121 Padova
Coordinate45°24′04.96″N 11°52′32.6″E / 45.401379°N 11.875722°E45.401379; 11.875722Coordinate: 45°24′04.96″N 11°52′32.6″E / 45.401379°N 11.875722°E45.401379; 11.875722
Informazioni generali
CondizioniIn uso
CostruzioneXII secolo-XIII secolo-XVIII secolo
Usoabitazione - spazio commerciale
Realizzazione
ArchitettoGiambattista Novello

L'edificio è una rara testimonianza dell'architettura a destinazione residenziale dell'età medievale oltre ad essere uno dei più grandi palazzi di Padova. Fabbricato all'inizio del Duecento intorno alla già preesistente torre difensiva (XII secolo), conserva gran parte delle memorie storiche della antichissima famiglia Capodilista (dal 1785 Emo Capodilista) i cui discendenti hanno posseduto il palazzo sino ai primi anni del 2000.

Il nucleo principale, il più antico palazzo-fortezza, è quello caratterizzato dalla merlatura e dalla torre, alta oltre 35 metri. Aperto in origine da sei snelli portici 'giganti' alla padovana poggianti su imponenti pilastri con base in pietra. Si riconoscono ancora, nel tessuto murario in cotto, le antiche aperture a bifora. Reliquia dell'età medievale è la bella cappella decorata tra il XIV e il XV secolo, con affreschi coevi, ciborio e ancona di gusto lombardesco. Gotica è la decorazione stellata delle volte del portico, più tardo e in stile di transizione, il portone d'ingresso.

Palazzo Capodilista, Venere e Marte sorpresi da una rete di Costantino Cedini

Ampliato nei secoli seguenti raggiungendo 13 fornici, fu nella seconda metà del Settecento che si approntò l'attuale conformazione: Giambattista Novello progettò l'apertura del salone centrale con le ampie finestre, lo scalone, la terrazza a settentrione, le finestre verso il giardino all'italiana retrostante. Si inaugurò una grande campagna di decorazione; tra gli stucchi e le modanature di gusto rococò lavorarono i valenti Gaspare Diziani, Francesco Zugno e Costantino Cedini. Il Novello impostò una ariosa cupola tra lo scalone e il salone in più ingrandì l'ingresso carraio allargando ulteriormente il fornice centrale. Allo stesso architetto Giordano Capodilita commissionò nel 1781 il Casino da giuoco dirimpetto la facciata al di la della pubblica strada, preceduto da un breve giardino, ottenendo un complesso di ampio respiro.

La grande collezione artistica degli Emo Capodilista già esposta nel palazzo, arricchisce parte delle esposizioni ai Musei Civici agli Eremitani.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Tra gli abitanti del palazzo, esponenti dell'illustre famiglia Capodilista, fu Annibale: oltre alla cultura e al fasto cortese di cui amò circondarsi si ricorda per aver commissionato il grande cavallo ligneo per alcuni tornei che si svolsero in città nel 1466. Composto sul modello del destriero montato dal Gattamelata fu conservato nel palazzo per secoli. Per questo motivo la famiglia fu chiamata Capodilista del Cavallo. Il grande destriero ligneo venne prestato alla città e posto in mostra nel Salone del Palazzo della Ragione dove ancora si trova.

Le finestre del salone e la torre

Nel giardino del palazzo sopravvive l'antichissimo corniolo nato dal bastone del Beato Giordano Forzatè, antico religioso componente della famiglia. La pianta, con i suoi 800 e più anni venne trasportata nel giardino dal chiostro della chiesa di San Benedetto Vecchio, dove era stata originariamente piantata. Anticamente tanto portentosa che i suoi frutti erano dispensati ai febbricitanti e quando doveva morire una delle monache o un componente della casa Capodilista (discendenti dal beato fondatore) un ramo di questa si seccava.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]