Padre Eligio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Padre Eligio, pseudonimo di Angelo Gelmini, affettuosamente Peligio (Pozzuolo Martesana, 17 luglio 1931), è un presbitero italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Appartenente alla famiglia dei Gelmini, fratello minore di un altro celebre ecclesiastico, Pierino Gelmini, fondatore delle "Comunità incontro".

Francescano del convento di Sant'Angelo a Milano, nel 1964 ha fondato in quella città il primo "Telefono Amico" [1] e nel 1967 la prima comunità per il recupero dei tossicodipendenti Mondo X, divenuta poi una rete di comunità[2].

Padre Eligio, dal 1965 consigliere spirituale del Milan, è stato particolarmente noto negli anni settanta per esser stato frequentatore di feste mondane, gestore del castello di Cozzo di Lomellina e amico personale di Gianni Rivera. In quegli anni fu arrestato dai carabinieri con l'accusa di truffa[3].

Scarcerato, si rifugiò negli anni '80 in Sicilia, nell'isolotto disabitato di Formica che comprò e trasformò in comunità[4].

La Casa francescana donò a padre Eligio diversi conventi per trasformarli in spazi di rigenerazione[5].

Negli ultimi anni ha creato anche la struttura turistico-spirituale "Frateria" a Cetona [6].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • 1975 - Le vacche di Padre Eligio, edito da Vallecchi.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]