Pacifico Valussi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Pacifico Valussi (Talmassons, 30 novembre 1813Udine, 28 agosto 1893) è stato un giornalista e politico italiano.

Laureato in matematica a Padova nel 1836, vive in vari periodi a Venezia, Trieste, Milano, Firenze e Udine in cui si stabilisce definitivamente nel 1866. Fu collaboratore e poi fondatore e direttore di diversi giornali:

  • La favilla (Trieste) nel 1838
  • L'Osservatore Triestino, (Trieste), direttore
  • Fatti e parole (Venezia) nel 1848
  • Il Precursore, (Venezia), direttore
  • Gazzetta di Venezia (Venezia), direttore dal 1848 al 1849
  • Il Friuli, (Udine), direttore dal 1849 al 1851
  • L'annotatore friulano, (Udine), direttore dal 1853 al 1859
  • La Perseveranza (Milano), tra i fondatori e direttore dal 1859 al 1866.
  • La gazzetta del popolo, (Firenze) nel 1865
  • Il giornale di Udine, (Udine) fondato nel 1866

Politicamente di tendenza liberale conservatore, laico ed anticlericale fu deputato per la Destra storica al parlamento italiano nelle legislature IX, X e XI, dal 1866 al 1874.

Libri[modifica | modifica wikitesto]

  • Pacifico Valussi e Carlo Cattaneo: Notizie naturali e civili del Friuli “Il Crepuscolo” 1852

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Tafuro, F (2004), Senza fratellanza non è libertà. Pacifico Valussi e la rivoluzione veneziana del Quarantotto, Edizioni Franco Angeli, ISBN 88-464-5544-4.
  • Carlo Rinaldi, I deputati friulani a Montecitorio nell'età liberale 1866-1919 profili biografici, La Nuova Base, 1979, Udine

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN24591295 · LCCN: (ENn2004152423 · SBN: IT\ICCU\VEAV\004958 · ISNI: (EN0000 0000 6141 0063 · GND: (DE129681458 · BNF: (FRcb104577533 (data) · BAV: ADV11199247