Pachygrapsus marmoratus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Granchio corridore
Pachygrapsus marmoratus 2009 G3.jpg
Pachygrapsus marmoratus
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Superphylum Protostomia
Phylum Arthropoda
Subphylum Crustacea
Classe Malacostraca
Ordine Decapoda
Infraordine Brachyura
Superfamiglia Grapsoidea
Famiglia Grapsidae
Genere Pachygrapsus
Specie P. marmoratus
Nomenclatura binomiale
Pachygrapsus marmoratus
(Fabricius, 1787)
Sinonimi

Cancer marmoratus
Fabricius, 1788
Grapsus marmoratus
Grube, 1861
Grapsus savignyi
De Haan, 1835
Grapsus varius
Latreille, 1867

Il granchio corridore (Pachygrapsus marmoratus (Fabricius, 1787)) è un crostaceo decapodo appartenente alla famiglia Grapsidae, diffuso nelle acque costiere del Mar Mediterraneo, del Mar Nero e dell'Atlantico orientale.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Un esemplare adulto misura 4-5 cm.
Ha un carapace quadrangolare e leggermente convesso, di colore bianco giallastro sul ventre, bruno-violaceo sul dorso, con macchie giallo-senape, che gli conferiscono l'aspetto marmorizzato a cui deve il nome. I maschi hanno chele più sviluppate delle femmine.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

È un animale solitario e timido: se spaventato si rifugia, a grande velocità, nelle fessure delle rocce.

Si nutre di piccoli invertebrati, piccoli granchi di altre specie e di detriti organici.

Si riproduce in luglio-agosto.

Ha una aspettativa di vita di 3-4 anni.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

È diffuso nel mar Mediterraneo e nel mar Nero nonché nelle zone costiere dell'Atlantico orientale, comprese le isole Canarie.

Popola i fondali rocciosi, dal piano mesolitorale sino a pochi metri di profondità.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Mojetta A., Ghisotti A, Flora e Fauna del Mediterraneo, Mondadori, 2003, ISBN 88-04-38574-X.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàLCCN (ENsh88020753