Overlord II

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Overlord II
Sviluppo Triumph Studios
Pubblicazione Codemasters, Warner Bros. Interactive Entertainment
Ideazione Michiel van den Bos, Rhianna Pratchett
Serie Overlord
Data di pubblicazione Flags of Canada and the United States.svg 23 giugno 2009
Flag of Europe.svg 26 giugno 2009
Flag of Australasian team for Olympic games.svg 9 luglio 2009
Genere Avventura dinamica, Videogioco di ruolo
Tema fantasy
Modalità di gioco giocatore singolo, multigiocatore
Piattaforma Microsoft Windows, Xbox 360, PlayStation 3
Distribuzione digitale Steam
Motore grafico Overlord Engine
Supporto Blu-ray Disc, DVD
Requisiti di sistema Minimi (PC): Windows XP / Vista, CPU Pentium D 3,4 GHz / AMD Athlon XP Dual Core 3600+, RAM 2 GB, Scheda video nVidia GeForce 7900GTX or ATI Radeon 9500, Scheda audio DirectX 9.0c compatibile, HD 1,5 GB liberi, lettore DVD 2x o superiore
Fascia di età ESRB: T
PEGI: 16+
USK: 16
Preceduto da Overlord

Overlord II è un videogioco di ruolo, sviluppato da Triumph Studios e pubblicato da Codemasters per PC, Xbox 360 e PlayStation 3.[1]

Tutte le versioni sono state pubblicate in Nord America il 23 giugno 2009, in Europa il 26 giugno e in Australia il 9 luglio. In quelle date sono stati pubblicati anche gli spin-off Overlord: Dark Legend per Wii e Overlord: Minions per Nintendo DS.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Sequel di Overlord, il gioco è ambientato in un mondo di fantasia dove i giocatori assumono il ruolo dell'Overlord, un misterioso guerriero malvagio il cui obiettivo è conquistare l'Impero Glorioso (molto potente e simile all'Impero romano) attraverso il suo esercito di Serventi (creature piccole simili a dei gremlin).

La storia è stata scritta da Rhianna Pratchett (figlia dello scrittore Terry Pratchett), mantenendo un tono satirico ed un certo umorismo nero nei riguardi dell'ambientazione - e del genere - fantasy. Come nel gioco precedente i Serventi sono di quattro tipologie diverse: i Marroni, i Rossi, i Blu ed i Verdi.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Dopo che il vecchio Overlord è rimasto rinchiuso nell'Abisso Infernale, il nucleo della torre, fonte di energia della Torre Oscura, è esploso e la torre è andata in rovina, causando un grande cataclisma nella zona circostante che si è trasformata in una landa desolata popolata da creature investite dall'energia magica rilasciata dopo l'esplosione. Il cataclisma inoltre porta persino ad una epidemia magica, che decima molte civiltà, causando l'odio verso le creature magiche. I Serventi, prima del cataclisma, sono migrati dalle terre dell'Antica Torre perché il figlio dell'Overlord e la sua signora erano spariti. Così le quattro razze dei serventi migrano agli inferi, ma alcune di esse si perdono ad eccezione dei Marroni, che continuano nella loro ricerca.

Circa ciqnue anni dopo il cataclisma, i Marroni, capitati nelle lande di Nordburgo, si imbattono in un bambino, odiato da tutti gli altri perché dotato di poteri magici, scontroso e solitario. Dal bagliore nei suoi occhi i serventi riconoscono la crudeltà del Padrone, e così lo aiutano a fuggire dal villaggio, conducendolo nella sua nuova dimora, la Torre Oscura. Qui il bambino cresce istruito nelle vie del Male dal consigliere Gnarl. Nel frattempo, sorge L'Impero Glorioso, guidato dall'Imperatore Solarius, che sfruttando il terrore della gente nei confronti della magia, si pone come obbiettivo la soppressione di tutte le creature magiche per fare spazio ad un futuro di opulenza e felicità. L'Overlord, ora adulto, decide di trovare i Nidi degli altri serventi. Percorrendo i territori di caccia di Nordburgo per raccogliere Forza Vitale, egli scopre l'esistenza di un santuario sotterraneo protetto dagli elfi. Qui L'Overlord scoprire che essi si sono impadroniti del Nido dei Rossi, in loro custodia perché reputati ostili. L'Overlord li libera e mette in fuga gli elfi guidati dal "Prode Floriano Cuorverde" Luogotenente di Fatia, regina degli elfi, dichiarando loro guerra. Conquistato il Santuario, l'Overlord scopre che Nordburgo è stata sottomessa dall'Impero Glorioso e che è governata da Borius, uno dei figli di Solarius. Così muove all'attacco della città e scopre che Kelda, sua amica di infanzia, è stata costretta a sposarsi con Borius, che la tratta come una schiava. L'Overlord sconfigge il governatore, prende il controllo di Nordburgo, e fa di Kelda la sua moglie.

Impadronitosi di una zona portuale e preso possesso di una nave, l'Overlord salpa verso Luce Perenne, la grande isola dimora degli elfi. Una volta aperte le porte però, l'Overlord viene attaccato da un enorme ragno sugli scogli e naufraga sull'isola. Esplorandola, egli capisce che l'Impero ha sottomesso anche l'isola degli elfi, facendone un luogo di villeggiatura per i patrizi. Si scopre anche che la regina Fatia, ha trovato l'ultimo santuario e vi ha portato gli ultimi elfi rimasti liberi per trovarvi riparo. Aiutato dai Serventi Verdi che abitano la giungla dell'Isola, l'Overlord riesce ad impadronirsi del loro Nido, e conquista la città principale e sconfigge la regina dei Ragni, facendo dei suoi figli le cavalcature dei serventi. Libera una bella patrizia Gemma schiava dei centurioni imperiali e ne fa la sua seconda moglie.

Grazie alle informazioni fornitegli da Gemma, l'Overlord riesce ad infiltrarsi nei territori imperiali. Superate le prime difese e distrutto il palazzo del sovrintendente Terribilio, riesce a introdursi nei bassifondi di Città Imperiale, una fogna a cielo aperto gremita di schiavi e batraci giganti, e da lì entra nelle segrete dell'Arena, dove l'Impero imbandisce spettacoli cruenti dove gli schiavi vengono massacrati da bestie. Qui scopre il Nido dei Serventi Blu, che venivano usati nei combattimenti. Nel tentativo di recuperarlo, cade in una trappola tesa da Solarius e Marius, il fratello gemello di Borius. L'Overlord viene fatto prigioniero e gettato nell'Arena, sotto gli occhi dei patrizi. Qui viene fatto combattere contro unicorni inferociti e i mostruosi Gargantua, lottatori mutanti. L'Overlord riesce però a sconfiggere le creature dell'Impero e scatena il panico nell'Arena, distruggendo il Palco Reale e torna negli Inferi e pianifica la disfatta dell'Impero. Una volta ripreso il nido dei Blu, l'Overlord esplora la landa desolata dove un tempo sorgeva la Torre del suo predecessore, ora divenuta un'arida pianura ricoperta di una strana melma blu magica.

Addentratosi nella landa, L'Overlord scopre che nel luogo sono nascosti i cittadini imperiali esiliati con l'accusa di essere contaminati dalla magia. Proseguendo, si imbatte in un gruppo di soldati imperiali che cercano di combattere contro un nemico invisibile: Floriano, il luogotenente degli elfi. Sconfitti gli imperiali egli rivela che la regina Fatia è disposta a firmare un patto di alleanza, in cambio dell'aiuto di Floriano che guiderà l'Overlord per la landa alla ricerca dei frammenti del nucleo dell'antica torre, un artefatto magico di tale potere da poter annientare lo scudo magico di Città Imperiale. Una volta ritrovati tutti i frammenti però, l'Overlord e Floriano si accorgono di essere circondati da imperiali, contro i quali si scontrano inevitabilmente, costringendo l'Overlord alla ritirata, in cui Floriano viene catturato dagli imperiali. L'Overlord torna al Santuario con il Nucleo rigenerato. Tuttavia, per ridare energia al nucleo, è costretto a prelevare energia magica dal Santuario, distruggendolo, e da Fatia stessa. L'Overlord, tuttavia, ricostituisce l'elfa con la sua magia malvagia, rendendola così crudele e spietata. Lei stessa, infatti, decide di divenire la terza moglie dell'Overlord o può essere uccisa per diventare Fatia Fantasma. Ricaricato il Nucleo, l'Overlord si prepara ad assediare Città Imperiale, la capitale dell'Impero Glorioso. Dopo aver disintegrato lo scudo magico della città sacrificando il Nucleo, l'Overlord fa irruzione con il suo esercito, e in breve conquista la metropoli.

Una volta entrato nel Palazzo di Solarius ritrova Floriano. Egli confessa che è in realtà privo di poteri e per questo discriminato dai suoi simili, che tentò tempo prima di rubare il Nucleo dall'Antica Torre nella speranza di ottenerli, ma che innescò involontariamente la sua esplosione, generando il cataclisma e l'annessa pestilenza. Egli rivela infine di essere Solarius stesso. L'elfo dichiara di aver approfittata del caos seguito per prendere il potere e formare l'Impero, e sterminando le creature magiche voleva raccogliere tanta energia magica da divenire una divinità, in modo da estinguere una volta per tutte il suo complesso di inferiorità nei confronti della sua stessa stirpe. Tuttavia Floriano/Solarius non riesce a contenere tutta l'energia che ha raccolto, e contro il suo volere genera un mostro fatto di magia pure. Nonostante tutto, l'Overlord riesce ad ostacolare la bestia, e ad assorbire l'energia magica di Floriano, impedendo dunque la sua ascensione a Dio. Morto Solarius, sua moglie si rivela nella sua vera identità: Rose, la Signora del precedente Overlord e la madre di quello attuale. Ella spiega di essersi ritrovata a condurre il figlio via dalla Torre per poi depositarlo a Nordburgo, dove riteneva sarebbe stato al sicuro, tutelato dai serventi. In seguito, ella aiutò Floriano ad entrare nella Torre Oscura ed insieme a lui costruì l'Impero, ritenendolo uno strumento capace di legare insieme le genti e di creare una sorta di nuova età dell'oro, nella speranza che egli sarebbe stato un sovrano giusto. Tuttavia, Floriano si rivela essere anche peggiore del suo compagno e lei comprende che il figlio è, purtroppo, un male necessario e ammette il suo sbaglio. La vicenda si conclude con l'Overlord trionfante, e il suo consigliere Gnarl che lo elogia, soltanto per rivelare che lui sta seguendo gli ordini dell'Overlord, aspettando il momento giusto per tradirlo come ha fatto con il suo predecessore.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

L'Overlord: Il nuovo Signore del Male, figlio del precedente Overlord e della sua signora Rose. Egli viene esiliato sin dalla nascita presso Nordburgo, dove è conosciuto con l'epiteto di "Streghino" dagli abitanti per la sua indole maligna e per i suoi poteri sovrannaturali. Recuperato dai Serventi, egli viene allevato come Signore del Male da Gnarl, e pianifica la riconquista delle terre appartenute al padre.

L'Antico Overlord: Il padre dell'overlord attuale. Egli fu il potentissimo e malvagio Overlord che molti anni prima ricostruì l'antica Torre Oscura, sconfisse i Sette Eroi e conquistò i vari reami. Dopo la sconfitta del suo predecessore, sparì nell'Abisso infernale dopo la battaglia con il Dio Dimenticato, che fu il suo predecessore. Egli cerca di scappare dal regno in cui è confinato ed ha gli Spiriti dell'Abisso al suo comando.

Imperatore Solarius: Il sovrano dell'Impero Glorioso sempre coperto da una maschera aurea, ha una vita misteriosa alle spalle e due figli adottivi, Borius e Marius. Altezzoso e superbo, desidera eliminare tutte le creature magiche in quanto sono considerate pericolose.

Gnarl: Il più anziano dei serventi e il consigliere dell'Overlord. Dopo anni al servizio del precedente Overlord, è riuscito a trovare il degno erede del Male in suo figlio e lo ha istruito nelle vie delle Tenebre. Tuttavia, egli è realmente leale solo all'antico Overlord.

Kelda: Una ragazza del villaggio di Nordburgo, nonché l'unica a non provare timore per lo "Streghino", quando questi erano bambini. Anni dopo lo aiuta nella sua conquista e diviene la sua prima moglie.

Juno ("Gemma", nella versione italiana): Una fascinosa arrampicatrice sociale dell'Impero accusata di stregoneria dalle matrone imperiali ed in seguito salvata dall'Overlord. Conoscendo l'Impero, ricopre il ruolo d'informatrice del Signore Oscuro e diviene la sua seconda moglie.

Fatia: la Regina degli elfi di Luce Perenne, di indole buona ed è dotata di grande poteri magici. L'Overlord avrà la possibilità di o ucciderla, rendendola un fantasma, oppure risparmiarla, trasformandola in un'elfa malvagia con i suoi poteri. In ambo i casi ella diviene la sua terza moglie.

Rose: La signora dell'Antico Overlord e la madre dell'Overlord attuale. Rose era in principio una guaritrice di indole buona e ossessionata dall'ordine, che decise di divenire la compagna dell'Overlord nella speranza di guidarlo verso un governo più magnanimo possibile. Il seguito alla scomparsa di quest'ultimo, Rose dette alla luce suo figlio, che essendo destinato ad essere malvagio come il padre, decise di relegarlo in esilio a Nordburgo accudito dai serventi, in modo d'assicurare la caduta dell'impero malvagio dell'Overlord. Condusse Floriano nella Torre Oscura causando così il Grande Cataclisma che getterà le basi dell'Impero Glorioso e ne diviene sua moglie, speranzosa del fatto che egli possa dimostrarsi un sovrano giusto e buono.

Floriano Cuorverde/Solarius: Un condottiero elfico, fedelissimo a Fatia, che disprezza l'Impero e l'Overlord. Si rivelerà però l'esatto contrario di ciò che mostra d'essere quando si dichiarerà come Imperatore Solarius. È lui che causò il grande cataclisma anni or sono guidato da Vilma nel tentativo di avere poteri, ma il nucleo diventò instabile(visto che può essere usato solo dall'Overlord) ed esplose, causando il grande cataclisma.

Marius: Un figlio di Solarius. Parla spesso a nome del padre e, malgrado l'Impero dia la caccia alla magia, non esita ad utilizzarla per teletrasportarsi da un luogo all'altro. È alto e magro, ha un'orribile dentatura e indossa un monocolo all'occhio destro. È sempre in competizione con il gemello Borius.

Borius: Fratello gemello di Marius, figlio di Solarius. Viene proclamato governatore di Nordburgo dopo l'invasione dell'Impero. Costringe Kelda a sposarlo con la forza. È grasso, brutto e basso e con denti orribili. È sempre in competizione col gemello Marius.

I Serventi: I fedeli servitori dell'overlord da tempo immemorabile,non sono molto intelligenti,sono 4 tribù: Rossi (Lancia-fiamme, immuni alle fiamme)Marroni(Truppe d'assalto), Blu(Maestri nelle arti magiche, resuscitano i serventi morti e immuni al blob magico), Verdi(gli assassini esperti nell'arte della furtività, sono praticamente invisibili e velocissimi, nonché immuni al veleno, attaccano alle spalle)sono generati tramite la forza vitale degli altri esseri viventi caduti.

I Marroni sono i più resistenti in combattimento, possono utilizzare le armi e gli oggetti rubate ai nemici o sottratte ai morti. Sono i più atti al combattimento corpo a corpo. La loro Tana è simile ad un'arena di combattimento. Sono I primi serventi disponibili.

I Rossi sono i Serventi del fuoco, ed è per questo che possono attraversare senza problemi i muri di fiamme. Malgrado questo non sono molto resistenti, ed è meglio lasciarli nelle retrovie, per usarli come arcieri. Infatti i Rossi sono in grado di lanciare delle sfere di fuoco. La loro Tana è costituita da una grande fontana di lava liquida, simile ad una testa di drago. Si ottengono prelevando il loro Nido dal Santuario elfico di Nordburgo.

I Serventi Blu sono i maghi delle fila dell'Overlord. Essi sono gli unici Serventi in grado di nuotare. Sanno scagliare incantesimi ma non hanno praticamente corazza e fanno danni scarsi; la loro più grande abilità è però quella di saper resuscitare i compagni morti. Se sono mantenuti in movimento diventano invisibili agli occhi del nemico. La loro tana è una grande cascata decorata con possenti pietre recanti simboli magici. Il loro nido è custodito nelle segrete dell'Arena dell'Impero Glorioso.

I Verdi sono i Serventi spia: sanno rendersi invisibili quando sono immobili e sanno attraversare le nubi venefiche. Hanno la particolarità di saper assaltare alle spalle il nemico. La loro Tana è una specie di palafitta di canne con liane e foglie morte. Il Nido dei Verdi è reperibile nella fortezza Elfica di Luce Perenne, occupata dall'Impero Glorioso.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Erik Brudvig, Overlord II on the Way, IGN, 13 agosto 2008. URL consultato il 14 agosto 2008.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

PlayStation Portale PlayStation: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di PlayStation