Oval Lingotto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Oval Lingotto
Oval Olympic Arena
Lingotto, Fiera del Libro, Oval Lingotto.jpg
Informazioni
Stato Italia Italia
Ubicazione Torino
Inaugurazione 2005
Proprietario Comune di Torino
Uso e beneficiari
Pattinaggio su ghiaccio XX Giochi olimpici invernali
Atletica leggera Campionati europei di atletica leggera indoor 2009
Capienza
Posti a sedere 8 500
Mappa di localizzazione

Coordinate: 45°01′39″N 7°39′39″E / 45.0275°N 7.660833°E45.0275; 7.660833

L'Oval Lingotto, conosciuto anche come Oval Olympic Arena o - semplicemente - come Oval, è lo stadio costruito per ospitare le gare di pattinaggio di velocità dei XX Giochi olimpici invernali di Torino 2006.

Capace di contenere 8.500 spettatori, lo stadio ospita una pista di 400 metri di lunghezza per 12,6 di larghezza. Costruito tra l'area del Lingotto e quella del Villaggio Olimpico, l'Oval dopo i Giochi olimpici è diventato un'area espositiva e fieristica integrata nella struttura del Lingotto Fiere.

La progettazione dell'impianto è stata realizzata dall'azienda inglese, HOK SVE Ltd e dallo Studio Zoppini di Milano[1]. Il completamento dell'impianto ha subito dei ritardi a causa del ritrovamento di amianto nell'area su cui sorge (che era di proprietà delle ferrovie). Era stata prevista l'inaugurazione a fine 2004 con delle gare di Coppa del Mondo di pattinaggio di velocità, che furono spostate a Salt Lake City. La prima competizione (gare di Coppa del Mondo) si è svolta dal 9 all'11 dicembre 2005.

Tra maggio e giugno 2006 ha ospitato le Olimpiadi degli scacchi, mentre nel successivo mese di ottobre è stata la sede dei Campionati del Mondo di Scherma[2].

Nel mese di marzo 2008 ha ospitato gli XI Campionati Europei e del Mediterraneo di Tiro con l'arco, denominati Torino 2008.

Il 31 dicembre 2009 è stato la sede del Torino FuturFestival 2009, il capodanno musicale torinese: durante il veglione l'impianto ha visto alternarsi rispettivamente sul palco i concerti dei Subsonica e dei Motel Connection e, alla consolle, i DJ set di Boosta, di Mauro Picotto e del newyorkese Josh Wink.

Dal 6 all'8 marzo 2009 ha ospitato i Campionati europei di atletica leggera indoor 2009.

Nel 2011 ha ospitato (insieme a Lingotto Fiere) il Salone Internazionale del Libro di Torino. Al suo interno è stata allestita la mostra, promossa dal Salone, dal titolo 1861 - 2011. L'Italia dei libri sui 150 anni dell'unità d'Italia dal punto di vista della letteratura.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Palasport Oval - Olimpiadi Torino 2006, promozioneacciaio.it. URL consultato il 19 maggio 2012.
  2. ^ "Scherma, da oggi Torino è la capitale mondiale", Corriere della Sera, 29 settembre 2006, p. 69

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Alessandro Zoppini, L'oval Lingotto - Tendenze nella progettazione degli impianti sportivi per grandi eventi, Torino, Forum Internazionale "Gli impianti sportivi", 20-22 ottobre 2005

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]