Orazio Ariosto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Orazio Ariosto (Ferrara, 1º novembre 1555Ferrara, 19 aprile 1593) è stato un letterato italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Pronipote di Ludovico Ariosto, partecipò alla polemica sollevata nel 1584 da Camillo Pellegrino, che sosteneva la superiorità della Gerusalemme liberata sull'Orlando Furioso e dunque di Torquato Tasso su Ludovico Ariosto.

Ariosto, peraltro amico di Torquato Tasso, sostenne che le due opere fossero semplicemente inconfrontabili e incommensurabili per la diversità degli argomenti e dei personaggi.

Nel 1576 finì in carcere per una baruffa giovanile, ma in pochi anni si redense e nel 1587 divenne canonico.

Fu discreto poeta e scrisse un poema, Alfeo, di cui rimane solo un frammento.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF: (EN64061277 · ISNI: (EN0000 0000 7976 6391 · SBN: IT\ICCU\LO1V\089371 · LCCN: (ENn89665764 · GND: (DE119410435 · BNF: (FRcb122447386 (data) · NLA: (EN44245390 · BAV: ADV10254363 · CERL: cnp01335047