Onofrio Panvinio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Onofrio Panvinio

Onofrio Panvinio (Verona, 23 febbraio 1530Palermo, 27 aprile 1568) è stato uno storico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Entrò fin da giovane nell'ordine di Sant'Agostino dove cambiò il nome di nascita da Giacomo in Onofrio. Tra il 1549 e il 1550 ebbe modo di frequentare molti eruditi del suo tempo. Qui, inoltre, si legò alla corte di Alessandro Farnese.

Fu uno dei più importanti studiosi della storia romana dell'epoca e si interessò anche a quella ecclesiastica.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Alcuni titoli delle sue opere, più volte aggiornate e ristampate, sono:

  • Augustiniani ordinis chronicon (Roma, 1550);
  • De fasti et triumphi Romanorum a Romulo usque ad Carolum V (Venezia, 1557);
  • Epitome Pontificum Romanorum a s. Petri usque ad Paulum IIII gestorum (Venezia, 1557);
  • Epitome antiquitatum romanarum (Roma, 1558);
  • Una edizione rivista di: Carlo Sigonio, Fasti consulares (Venezia, 1558);
  • De comitiis imperatoriis (Basilea, 1558);
  • De republica Romana (Venezia, 1558);
  • Edizione rivista di: Bartolomeo Platina, De vitis pontificum (Venezia);
  • XXVII Pontificum Maximorum elogia et imagines (Roma, 1568);
  • De sibyllis et carminibus sibyllinis (Venezia 1567);
  • Chronicon ecclesiasticum a C. Julii Caesaris tempore usque ad imp. Maximilianum II (Colonia, 1568);
  • De episcopatibus, titulis, et diaconiis cardinalium (Venezia, 1567);
  • De ritu sepeliendi mortuos apud veteres Christianos (Ionia, 1568), opera basata sulle iscrizioni trovate nelle catacombe;
  • De praecipuis urbis Romae sanctioribusque basilicis (Roma, 1570; Colonia, 1584);
  • De primatu Petri et apostolicae sedis potestate (Verona, 1589);
  • Libri X de varia Romanorum pontificum creatione (Venezia, 1591);
  • De bibliotheca pontificia vaticana (Tarragona, 1587);
  • De ludis circensibus (Venezia, 1600), pubblicazione postuma con acqueforti di Dupérac databili agli anni 1560/70);
  • De antiqua Romanorum religione.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN49360443 · ISNI (EN0000 0001 2101 221X · SBN IT\ICCU\SBLV\043547 · LCCN (ENn85308184 · GND (DE119421488 · BNF (FRcb13090310k (data) · ULAN (EN500323677 · NLA (EN35600600 · BAV ADV10009237 · CERL cnp01879570
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie