Onesiforo (discepolo di Paolo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Sant' Onesiforo
MorteEfeso 66
Venerato dachiesa cattolica
Canonizzazionepre canonizzazione
Ricorrenza6 settembre
Attributipalma del martirio

Sant' Onesiforo (... – Efeso, 66) è stato un religioso romano personaggio biblico citato da Paolo nella sua seconda lettera a Timoteo (1,16-18 e 4,19). Viene venerato dalla chiesa cattolica e la sua festività ricorre il 6 settembre.

Apparteneva alla comunità cristiana di Efeso: ospitò e sostenne Paolo durante il suo soggiorno a Efeso e non lo abbandonò neanche dopo il suo trasferimento a Roma, dove lo raggiunse nonostante le persecuzioni.

Poiché Paolo parla di Onesiforo al passato e raccomanda a Timoteo di salutare solo i suoi famigliari, è probabile che Onesiforo fosse già morto quando l'apostolo scrive.

Secondo la tradizione, era uno dei settantadue discepoli designati da Gesù; secondo un'altra tradizione, subì il martirio insieme a Porfirio sotto il proconsole Adriano.

La sua commemorazione è nel Martirologio romano al 6 settembre. Nei sinassari e menologi greci sono riportate diverse date di commemorazione, ed è ricordato come vescovo di Coronea.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Onesiforo, su Santi, beati e testimoni, santiebeati.it. Modifica su Wikidata
Bibbia Portale Bibbia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Bibbia