O Que É Que A Baiana Tem?

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
O Que É Que A Baiana Tem?
Carmen Miranda, Banana da Terra 1939.jpg
Carmen Miranda indossa un costume baiana in una scena di Banana da Terra, prodotto dallo studio Sonofilmes
ArtistaCarmen Miranda
Daniela Mercury
Autore/iDorival Caymmi
GenereSamba
Dataaprile 1939
Data seconda pubblicazione23 ottobre 2009
EtichettaOdeon Brasile e Decca Records
Durata03:13
O Que É Que A Baiana Tem? in Banana da Terra

O Que É Que A Baiana Tem? (in italiano "Cos'ha la donna di Bahia?") è una canzone composta da Dorival Caymmi nel 1939 e registrata da Carmen Miranda.

La canzone è stata immortalata nella voce dell'artista brasiliana Carmen Miranda, che ha interpretato questo samba nel film Banana da Terra (1939), diretto da Ruy Costa. Oltre al film Banana da Terra, O Que É Que A Baiana Tem? è stata presentata da Miranda nel musical The Streets of Paris di Broadway tra il 1939 e il 1940, e nel film Samba d'amore (1944).[1]

Riferimenti culturali[modifica | modifica wikitesto]

Fin dall'inizio della sua carriera, Dorival Caymmi ha impregnato musicalmente il suo paese di un'identità ritmica e romantica che andava bene con la geografia seducente del Brasile e alle donne in bikini. La sua prima e immediatamente popolare canzone, scritta a 16 anni, è stata O Que É Que a Baiana Tem? Quella canzone divenne il primo successo di Carmen Miranda, i cui arti ben esposti, cappelli stravaganti e voce esuberante la resero una sensazione globale conosciuta come The Brazilian Bombshell. Nel 1996, la pubblicazione News From Brazil ha detto che il signor Caymmi ha insegnato alla signora Miranda a muovere le braccia e le mani con la musica, cosa che è diventata il suo marchio di fabbrica.[2]

In linea con il testo della canzone, Carmen interpreta O Que É Que a Baiana Tem? indossando il costume della baiana, termine che letteralmente significa una donna del nord-est dello stato di Bahia, ma più specificamente si riferisce alla donna afro-brasiliana che fin dall'epoca coloniale ha venduto cibo per le strade di Salvador a Bahia e a Rio de Janeiro, e alle sacerdotesse della religione afro-brasiliana Candomblé. Carmen, che aveva lavorato come apprendista cappelliere ed era un'abile sarta, stilizzò lei stessa il costume, aggiungendo al suo turbante paillettes e un piccolo cesto di frutta finta, in un accenno giocoso ai cesti di prodotti che i venditori ambulanti della baiana portavano in testa. Questa versione stilizzata del costume da baiana, con una camicetta accorciata che esponeva il suo ombelico, una gonna a figura avvolgente, sbiecciata e lunga (evitando le tradizionali baiane più rispettabili, camicetta di pizzo bianco e sottogonne a cerchio), e soprattutto un turbante riccamente decorato, sarebbe diventato il marchio iconico di Carmen per il pubblico internazionale. I costumi creati per i suoi primi ruoli hollywoodiani, come quelli che indossava a Broadway e nei locali notturni negli Stati Uniti, avrebbero incorporato gli stessi elementi chiave.[3][4]

Lascito[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2009 la registrazione è stata selezionata per la conservazione nella Biblioteca del Congresso. La musica ha contribuito a introdurre il ritmo samba, come Carmen Miranda al pubblico americano.[5]

Daniela Mercury canta questa canzone sul suo album Canibália del 2009, che include un campione della registrazione originale di Miranda.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (PT) Morre Dorival Caymmi, aos 94, in Veja, 16 agosto 2008. URL consultato il 3 giugno 2019 (archiviato dall'url originale il 14 luglio 2014).
  2. ^ (EN) Douglas Martin, Dorival Caymmi, Singer of Brazil, Is Dead at 94, in The New York Times, 19 agosto 2008. URL consultato il 3 giugno 2019.
  3. ^ (EN) Louis Bayman e Natália Pinazza, Directory of World Cinema: Brazil, in Directory of world cinema, Bristol e Chicago, Intellect Books, 2013, pp. 16-17, ISBN 9781783200092, OCLC 859560276. URL consultato il 3 giugno 2019.
  4. ^ (EN) Priscilla Peña Ovalle, Dance and the Hollywood Latina: Race, Sex, and Stardom, New Brunswick, Rutgers University Press, 2011, p. 58-60, ISBN 9780813548807, LCCN 2010003041, OCLC 1013183487. URL consultato il 3 giugno 2019.
  5. ^ (EN) The Sounds of American Life and Legend Are Tapped for the Seventh Annual National Recording Registry, su Biblioteca del Congresso, 9 giugno 2009. URL consultato il 3 giugno 2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]