Nuove Ebridi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nuove Ebridi
Nuove Ebridi – BandieraNuove Ebridi - Stemma
(dettagli)(dettagli)
Motto: (F) Liberté, Égalité, Fraternité
(GBR) Dieu et mon droit
LocationVanuatu.png
Dati amministrativi
Nome completoCondominio delle Nuove Ebridi
Nome ufficiale(FR) Condominium des Nouvelles-Hébrides
(EN) New Hebrides Condominium
Lingue ufficialiinglese, francese
Lingue parlatebislama
Inno(F) La Marsigliese
(GBR) God Save The Queen
CapitalePort Vila
Dipendente daRegno Unito Regno Unito
Francia Francia
Politica
Forma di StatoCondominio anglo-francese
Nascita17 settembre 1905 con Émile Loubet (F)
Edoardo VII del Regno Unito (GBR)
CausaIndipendenza
Fine30 luglio 1980 con Valéry Giscard d'Estaing (F)
Elisabetta II del Regno Unito (GBR)
Territorio e popolazione
Bacino geograficoVanuatu
Massima estensione12.189 nel 1980
Popolazione79.983 nel 1967
Economia
ValutaFranco delle Nuove Ebridi, Dollaro australiano
Commerci conFrancia, Regno Unito, Australia, Nuova Zelanda, Nuova Caledonia, Giappone e Stati Uniti
Esportazionicopra, cacao, caffè, madreperla, manganese
Importazioniriso, farina, zucchero, latte, bevande alcoliche, tabacco, macchinarî, autoveicoli, utensili e tessuti
Religione e società
Religioni preminentiProtestantesimo
Religioni minoritarieCattolicesimo
Vanuatu CIA map.gif
Evoluzione storica
Preceduto daFlag of Franceville.svg Commissione navale anglo-francese
Succeduto daVanuatu Vanuatu
Flag of Vemerana.svg Repubblica di Vemerana
Ora parte diVanuatu Vanuatu

Il Condominio delle Nuove Ebridi (in inglese New Hebrides Condominium, in francese Condominium des Nouvelles-Hébrides) era il nome coloniale di un gruppo di isole nel Pacifico del Sud, che ora costituisce la nazione di Vanuatu. Le Nuove Ebridi furono colonizzate da britannici e francesi nel corso del XVIII secolo, poco dopo essere state visitate dal capitano James Cook. Successivamente i due paesi firmarono un accordo che stabilì il condominio internazionale anglo-francese sulle isole, che è durato dal 1906 fino al 1980, quando le Nuove Ebridi guadagnarono la loro indipendenza come Vanuatu.

Il condominio anglofrancese ha condotto alla divisione delle Nuove Ebridi in due distinte comunità - una anglofona ed una francofona. Questo divario è continuato anche dopo l'indipendenza, con la divisione delle scuole in una lingua o nell'altra, e tra i diversi partiti politici. È comunque l'unico caso di governo congiunto di due potenze coloniali sullo stesso territorio.

Sotto il condominio le Nuove Ebridi furono gestite nell'ambito di due distinti sistemi giuridici. I cittadini francesi dell'isola erano soggetti al diritto francese, i britannici a quello inglese. Gli indigeni della Nuova Ebridi potevano optare per l'uno o per l'altro sistema giuridico. Entrambi i paesi erano rappresentati in loco da un "Commissario Residente", analogo ad un governatore coloniale. Il governatore britannico delle Nuove Ebridi risiedeva nelle Isole Salomone mentre il governatore francese nella Nuova Caledonia; la gestione dell'economia e del territorio avveniva tramite una Commissione Interna formata da funzionari coloniali britannici e francesi presieduta dai due governatori, mentre la politica estera e la difesa erano affidate congiuntamente a Regno Unito e Francia. Questa situazione governativa è stata descritta da un ex Commissario Residente britannico come "il Pandemonium" nonostante la durata del Condominio dimostri la buona riuscita dell'esperimento di governo delle due potenze già alleate fin dal 1904 e in tutte le guerre del '900.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Catalogue Yvert et Tellier, t. 2, première partie, Colonies françaises et territoires d'outre-mer, éd. Yvert et Tellier, 1997.
  • Hubert Benoist, Le Condominium des Nouvelles-Hébrides et la société mélanésienne, Éditions A. Pedone, 1972.
  • Pacific Islands Year Book, Sydney 1956.
  • Nuove Ebridi in Enciclopedia Motta, pag. 5657, Vol. X, Federico Motta Editore, 1967

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN145018975 · ISNI (EN0000 0000 9793 5689 · LCCN (ENn81093172 · GND (DE61014-8 · BNF (FRcb11930583c (data) · NDL (ENJA00628891 · WorldCat Identities (ENn81-093172