Non ti appartengo più

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Non ti appartengo più
Titolo originale I've Always Loved You
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 1946
Durata 117 min
Rapporto 1.37 : 1
Genere drammatico
Regia Frank Borzage
Soggetto Borden Chase
Sceneggiatura Borden Chase
Produttore Frank Borzage
Casa di produzione Republic Pictures
Fotografia Tony Gaudio
Montaggio Richard L. Van Enger
Effetti speciali Howard Lydecker, Theodore Lydecker
Musiche Walter Scharf
Scenografia Ernst Fegté, John McCarthy Jr., Leanora Pierotti
Interpreti e personaggi

Non ti appartengo più (I've Always Loved You) è un film del 1946 diretto da Frank Borzage.

È un film drammatico statunitense con Philip Dorn e Catherine McLeod. È basato sul racconto Concerto di Borden Chase apparso su American Magazine nel dicembre del 1946 (ispirato alla vita della moglie di Chase, la pianista Lee Keith).[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La giovane pianista Myra Hassan viene notata dal maestro Leopold Goronoff che la prende sotto la sua protezione tanto che il suo talento mette in ombra quello del maestro. Nonostante sia innamorata propri di Leonard, decide di sposare George, un suo amico di infanzia. La coppia ha una figlia che verrà anch'essa presa sotto l'ala protettiva di Leonard.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film, diretto da Frank Borzage su una sceneggiatura e un soggetto di Borden Chase, fu prodotto dallo stesso Borzage[2] per la Republic Pictures[3] e girato nel Rowland V. Lee Ranch nel Canoga Park, Los Angeles, California,[4] dal 6 agosto al 25 ottobre 1945. Il titolo di lavorazione fu Concerto.[1]

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film fu distribuito con il titolo I've Always Loved You negli Stati Uniti nell'agosto del 1946[5] al cinema dalla Republic Pictures.[3]

Altre distribuzioni:[5]

Critica[modifica | modifica wikitesto]

Secondo il Morandini il film fu "fatto a pezzi dai critici" ma poi "col passare degli anni, fu rivalutato". Il film soffrirebbe soprattutto per l'inettitudine del cast di recitazione.[6] Secondo Leonard Maltin il film è un "dramma romantico molto sentito" in cui risalta la fotografia.[7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) American Film Institute, afi.com. URL consultato il 12 ottobre 2013.
  2. ^ (EN) IMDb - Cast e crediti completi, imdb.com. URL consultato il 12 ottobre 2013.
  3. ^ a b (EN) IMDb - Crediti per le compagnie, imdb.com. URL consultato il 12 ottobre 2013.
  4. ^ (EN) IMDb - Luoghi delle riprese, imdb.com. URL consultato il 12 ottobre 2013.
  5. ^ a b (EN) IMDb - Distribuzioni, imdb.com. URL consultato il 12 ottobre 2013.
  6. ^ MYmovies, mymovies.it. URL consultato il 12 ottobre 2013.
  7. ^ Leonard Maltin, Guida ai film 2009, Dalai editore, 2008, p. 1416, ISBN 8860181631. URL consultato il 12 ottobre 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema