Nicola I Esterházy

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Nikolaus Esterházy)
Jump to navigation Jump to search
Nicola I Esterházy
Nikolaus Esterhazy.jpg
Principe di Galanta
Stemma
In carica 1762 - 1790
Predecessore Paolo II Antonio
Successore Antonio I
Nascita Vienna, 18 dicembre 1714
Morte Vienna, 28 settembre 1790
Dinastia Esterházy
Padre Giuseppe Esterházy
Madre Maria Oktavia von Gilleis
Consorte Maria Elisabetta Ungnad von Weissenwolff
Religione cattolicesimo
Motto Ciò che può l'imperatore, lo posso anche io

Nicola I Giuseppe Esterházy di Galantha, detto il Magnifico (Vienna, 18 dicembre 1714Vienna, 28 settembre 1790), è stato un principe della nobile casata ungherese degli Esterházy, nonché una delle personalità più rilevanti della sua famiglia.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Palazzo Eszterházy fatto costruire da Nicola I

Nicola era figlio del principe Giuseppe Esterhazy e di sua moglie, la baronessa Maria Oktavia von Gilleis. Nacque a Vienna il 18 dicembre 1714, dove il padre si trovava a risiedere presso la corte imperiale.

Educato dai gesuiti, come gran parte dei suoi parenti e antenati, intraprese e percorse una rapida carriera militare, che lo portò in pochi anni a raggiungere il grado di feldmaresciallo dell'esercito imperiale. Solo dopo la morte del fratello maggiore Paolo II Antonio (1762), ad ogni modo, poté ottenere anche il rango di principe. Parallelamente intraprese la carriera diplomatica divenendo ambasciatore imperiale in Polonia ed in Sassonia dal 1742 al 1747 e successivamente ambasciatore imperiale alla corte di San Pietroburgo dal 1753 al 1761.

Nel 1753 divenne proprietario del 33° reggimento di fanteria "Andrassy". Prese parte alla guerra dei Sette anni ove ebbe modo di distinguersi nella battaglia di Kolin (1757) guidando alla vittoria uno squadrone di cavalleria. Nel 1764 divenne capitano del corpo di guardia imperiale ungherese e prestò servizio all'incoronazione dell'Imperatore Giuseppe II a Francoforte sul Meno come ambasciatore. In quest'occasione ebbe modo di conoscere Johann Wolfgang von Goethe. Come molti dei suoi antenati, anche Nicola nel 1765 venne onorato del cavalierato dell'Ordine del Toson d'Oro.

Ritratto del principe Nicola I Esterhazy in abiti tradizionali da magnate ungherese

Allo scoppio della Guerra di successione bavarese nel 1778, Nicola reclutò nei propri possedimenti 1200 soldati che mise al supporto dell'Imperatore. Nel 1783 l'Imperatore estese il titolo di principe a tutti i membri maschi appartenenti alla famiglia Esterházy.

Il soprannome di "Magnifico" gli venne impartito per via del suo ricco stile di vita, cosparso di lusso e sfarzo, che si rifletteva nella costruzione di prestigiose residenze come il Palazzo Eszterházy a Fertőd, dotato di uno splendido parco di caccia di stile rococò che venne non a caso definito la "Versailles ungherese", dove il principe si ritirò gradualmente, distanziandosi dall'etichetta della corte di Vienna che odiava. Nella sua reggia in campagna, il principe si avvalse dei servizi di Joseph Haydn come Kapellmeister e compositore, tenendo feste, bali e battute di caccia. Egli stesso era un grande appassionato di musica e suonava regolarmente il violoncello, la viola da gamba e la meno nota viola di bordone. Nell'estate del 1773, in occasione di una visita di Maria Teresa d'Austria al suo palazzo, Nicola I stupì l'imperatrice con una straordinaria ostentazione della sua ricchezza, cospargendo di sale (bene all'epoca ancora piuttosto costoso) tutto il percorso che avrebbe compiuto la carrozza imperiale.

Lo stile di vita del principe Esterhàzy, ad ogni modo, lo portò ad accumulare debiti di proporzioni notevoli, che ammontavano a circa 3,8 milioni di talleri che non riuscì a pagare e che demandò al figlio suo successore Antonio I.

Morì a Vienna il 28 settembre 1790.

Il rapporto con Haydn[modifica | modifica wikitesto]

Joseph Haydn fu al servizio del principe Nicola Esterhazy per quasi trent'anni della sua carriera di compositore e musicista
La viola di bordone del principe Esterhazy, conservata al Museo Nazionale Ungherese
Nicola I Esterházy
Soprannomeil Magnifico
NascitaVienna, 18/12/1714
MorteVienna, 28/9/1790
Etniaungherese
Dati militari
Paese servitoSacro Romano Impero
Forza armataEsercito
ArmaFanteria
GradoFeldmaresciallo
GuerreGuerra dei Sette anni
Guerra di successione bavarese
BattaglieBattaglia di Kolin
voci di militari presenti su Wikipedia

Nicola I era il secondo principe Esterházy ad avere al proprio servizio il noto compositore tedesco Joseph Haydn che, sotto il suo lungo governo, trovò terreno ideale per le sue composizioni e per esprimere al meglio la sua arte musicale. Già dal 1761, Paolo II Antonio, fratello maggiore di Nicola e suo predecessore come capo della casta, aveva nominato Haydn al ruolo di vice-maestro di cappella, ma fu solo con la morte di Gregor Werner che Nicola I decise di promuoverlo alla direzione musicale di tutti i suoi eventi.

I rapporti con Haydn non furono sempre floridi, in particolare quando il principe decise di licenziare la mediocre soprano Luigia Polzelli, che era divenuta anche l'amante del compositore tedesco durante la loro permanenza a palazzo. Nel 1766, ad ogni modo, si accordò per assumere al suo posto il fratello minore del compositore, il tenore Johann Evangelist Haydn.

Alla corte del principe Esterházy, inoltre, Haydn risultò strumentale nella composizione di una serie di pezzi musicali ispirati allo strumento musicale favorito del principe, la viola di bordone, componendo negli anni '70 del Settecento un totale di 126 trio per viola di bordone oltre a numerose altre opere per altri strumenti. Al principe Nicola I Esterházy, Haydn dedicò tra le altre la Sinfonia n. 45.

Personalità[modifica | modifica wikitesto]

Il principe Nicola I rimase per tutta la sua vita fortemente legato alla sua esperienza militare. Amava circondarsi di militari e gli uomini di fiducia nella sua vita, come ad esempio il suo amministratore Peter Ludwig von Rahier, provenivano tutti dal mondo dell'esercito. L'accademia militare teresiana di Wiener Neustadt ha dedicato a proprio al principe Esterházy il corso dell'anno 2007.

Nel vestire, Nicola viene ricordato come stravagante ma soprattutto particolarmente incline a spendere grandi somme di denaro per abiti raffinati o particolari come una nota giacca costellata di diamanti. Il conte russo Evgraf Fedorovich Komarovsky, delegato russo all'incoronazione dell'imperatore a Francoforte sul Meno, disse del principe Esterházy: "Dopo quelli dell'imperatore, non vi erano abiti più ricchi e magnifici di quelli del principe Esterházy e del suo seguito".

Goethe, che ebbe modo di conoscere Nicola I a Francoforte in occasione dell'incoronazione di Giuseppe II del Sacro Romano Impero nel 1764 così lo descrisse: "Non alto, ma di belle forme, vivace e nel contempo decoroso, senza orgoglio né freddezza".

Matrimonio e figli[modifica | modifica wikitesto]

Il 21 marzo 1718, Nicola I sposò la contessa Maria Elisabetta Ungnad von Weissenwolff, figlia del conte Ferdinand Ungnad von Weissenwolff, dalla quale ebbe i seguenti eredi:

  • Antonio (1738-1794), sposò Maria Teresa Erdödy de Monyoro-Kerek e Monoszlo ed alla morte di questa, si risposò con Maria Anna von Hohenfeld
  • Maria Anna (1739-1820), sposò il principe Antal Grassalkovich de Gyarak
  • Cristina (1740-1787), monaca
  • Nicola Lorenzo (1741-1809), sposò la contessa Maria Anna Ungnadin von Weissenwolff
  • Ferdinando Bonaventura (20 - 27 agosto 1747)
  • Elisabetta (gennaio - 23 giugno 1751)

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine del Toson d'oro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine del Toson d'oro
Commendatore dell'Ordine Militare di Maria Teresa - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine Militare di Maria Teresa

Albero genealogico[modifica | modifica wikitesto]

Genitori Nonni Bisnonni Trisnonni
Miklós Esterházy Ferenc Esterházy  
 
Zsófia Illéshazy  
Paolo I Esterházy  
Krisztina Nyáry de Bedegh Pál Nyáry de Bedegh et Berencs  
 
Katalin Várday de Kisvárda  
Giuseppe Esterházy  
István Thököly István Thököly  
 
Katalin Thurzó de Bethlenfalva  
Éva Thököly  
Mária Gyulaffy Sámuel Gyulaffy  
 
Anna Bethlen de Iktár  
Nicola I Esterházy  
Wolfgang Georg II von Gilleis Andreas de Gilleis  
 
Margareta de Gilleis  
Georg Julius von Gilleis  
Isabella Rüber von Püchsendorf Johann Baptist Rüber von Püchsendorf  
 
Eleonore von Schallenberg  
Maria Oktavia von Gilleis  
Bartholomäus von Starhemberg-Schaunberg Gundacker von Starhemberg  
 
Anna Sabina von Dietrichstein  
Sabina von Starhemberg-Schaunberg  
Esther von Windisch-Graetz Siegfried Adam von Windisch-Graetz  
 
Christina Schrott zu Kindberg  
 

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Mátyás Horányi, Das Esterhazysche Feenreich, Budapest, 1959. Trad. ingl. The Manificence of Esterháza, Londra, Barrie & Rockliff, 1962
  • D.Bartha und L.Somfai, Haydn als Opernkapellmeister. Die Haydn-Dokumente der Esterházy-Opernsammlung, Budapest-Mainz, Schott, 1960
  • H.C.Robbins Landon, Haydn at Eszterháza, 1766-90 (Haydn Chronicle & Works, II), Thames & Hudson, reprint 1978. ISBN 978-0500011683
  • Stefan Körner, Esterházy Feenreich: Fürst Nikolaus I verblüfft Europa, Imhof Verlag, 2011. ISBN 978-3-86568-746-3

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN40177345 · ISNI (EN0000 0000 2887 6486 · LCCN (ENn90634183 · GND (DE118931474 · CERL cnp00542650 · WorldCat Identities (ENlccn-n90634183
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie