Nikolaj Dmitrievič Kondrat'ev

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nikolaj Dmitrievič Kondrat'ev

Nikolaj Dmitrievič Kondrat'ev in russo: Николай Дмитриевич Кондратьев? (4 marzo 189217 settembre 1938) è stato un economista sovietico, teorico delle Onde di Kondrat'ev e della NEP.

Vita[modifica | modifica wikitesto]

Nikolai Kondratiev nacque il 4 marzo 1892 in una famiglia di contadini. Originario della provincia di Kostroma, a poca distanza da Mosca in direzione Nord-Est, frequentò l'Università di San Pietroburgo, allievo di Mikhail Turgan-Baranovsky. Le sue prime occupazioni furono nel campo dell'economia agraria e della statistica, come dimostra la sua nomina a Ministro dell'Approvvigionamento il 5 ottobre 1917, nell'ultimo breve governo di Alexandr Kerenskij.

Membro del Partito Socialista Rivoluzionario, dopo la rivoluzione del 1917 si dedicò all'attività di ricerca. Nel 1919 gli fu assegnato un posto da insegnante nell'Accademia di Agricoltura di Pietro il Grande, e nell'ottobre del 1920 fondò a Mosca l'Istituto di Congiuntura, riuscendo in pochi anni a renderlo una rispettata istituzione, forte della presenza di cinquantuno ricercatori.

Nel 1924 Kondratiev viaggiò in Inghilterra, Germania, Canada e Stati Uniti e visitò diverse università prima di tornare in Russia. Nel frattempo, l'economista pubblicava il suo primo libro, già contenente l'idea delle Onde che l'avrebbe reso celebre, e si occupava di un piano quinquennale per lo sviluppo dell'agricoltura in Unione Sovietica.

Sostenitore e teorico della Nuova politica economica, Kondratiev era favorevole alla strategia economica che faceva dell'agricoltura e della produzione di beni di consumo i settori dominanti il panorama economico sovietico, a discapito dell'industria pesante; le sue fortune ebbero perciò fine nel momento in cui la NEP fu accantonata, intorno al 1927.

Nel 1928 Kondratiev fu rimosso dall'incarico di direttore dell'Istituto di Congiuntura, e nel luglio del 1930 venne arrestato con l'accusa di far parte del "Partito Laburista dei Contadini" (presumibilmente un partito inesistente inventato dall'NKVD). Condannato come kulak-professore a otto anni di prigione, scontò la sua pena a Suzdal, presso Mosca, a partire dal febbraio 1932. Malgrado il peggioramento delle sue condizioni di salute, Kondratiev continuò le sue ricerche e decise di preparare altri cinque libri, come scritto in una lettera alla moglie.

La sua ultima lettera fu spedita alla figlia, Elena Kondratieva, il 31 agosto 1938. Il 17 settembre dello stesso anno, durante la Grande Purga, fu sottoposto ad un secondo processo e fu condannato a dieci anni senza la possibilità di intrattenere corrispondenza con il mondo esterno. Kondratiev fu tuttavia fucilato il giorno stesso, all'età di 46 anni.

Fortuna postuma[modifica | modifica wikitesto]

Il suo ricordo è stato riabilitato quasi cinquant'anni dopo la morte, nel 1987. I suoi lavori vennero tradotti in inglese per la prima volta nel 1988 da Stephen S. Wilson.

Nel 1992, in occasione del centenario della sua nascita, venne fondata la Fondazione Internazionale N.D. Kondratiev, ad opera di accademici russi, di Elena Kondratieva e dell'economista italiano Giancarlo Pallavicini, all'epoca primo consulente occidentale del governo russo per la riforma dell'economia, nominato vice presidente, assieme a Yurji Jacovetz, e con Leonid Abalkin presidente.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ IKF International Kondratiev Foundation; Giancarlo Pallavicini in "La teorizzazione dei cicli lunghi dell'economia, secondo Kondratiev, e l'informatica e la comunicazione" - Accademia di Studi Mediterranei, Agrigento, 19-22 novembre 1996; "Simposio Scientifico Internazionale", Fondazione Internazionale Kondratiev, Istituto di Economia dell'Accademia Russa delle Scienze, Mosca, 1994; "Return of Pitirim Sorokin", edited by S. Kravchenko and N. Pokrovsky, Moscow, 2001, International Kondratiev Foundation and P. Sorokin N. Kondratiev International Institute, p. 194 sgg.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN34521907 · LCCN: (ENn85282339 · ISNI: (EN0000 0000 8113 2953 · GND: (DE118777793 · BNF: (FRcb12296118f (data)
biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie