Neutro Roberts

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Neutro Roberts
StatoItalia Italia
Fondazione1904 a Firenze
GruppoBolton Group
Prodotti
  • saponi
  • detergenti
  • shampoo
  • deodoranti
  • olii
Sito webwww.neutroroberts.it/

Neutro Roberts è un marchio di prodotti per la cura e l'igiene personale della Manetti & Roberts, azienda italiana controllata dalla multinazionale Bolton Group di Milano.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Le origini risalgono al 1904, quando il laboratorio farmaceutico H. Roberts & Co. di Firenze - fondato nel 1843 dal farmacista inglese Henry Roberts (1819-1879) e produttore del Borotalco - lanciò sul mercato la prima saponetta solida neutra a marchio Roberts.[1]

Nel 1921, questa azienda si fuse con un'altra nota farmacia fiorentina di proprietà di Lorenzo Manetti, dando vita ad una nuova società, la Manetti & Roberts. Fino al 1981, il termine "neutro" era usato per designare la componentistica di alcuni prodotti, e venne trasformato in un vero e proprio marchio denominato Neutro Roberts.[2]

Nel corso degli anni la gamma dei prodotti Neutro Roberts si allargò dal sapone solido a shampoo, deodoranti, bagnoschiuma e saponi liquidi. Nel 2007, viene lanciata la linea di prodotti Intensive Beauty, che due anni più tardi ottiene riconoscimento come Prodotto dell'anno 2009 nel segmento "cura del corpo".[2][3]

Generalità e dati[modifica | modifica wikitesto]

Neutro Roberts è il principale marchio della Manetti & Roberts di prodotti per la cura e l'igiene personale (saponi liquidi, saponi solidi, bagnoschiuma, shampoo, olii doccia, deodoranti, bastoncini cotonati e detergenti intimi), ed uno dei più noti al sul mercato italiano.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Redazione, Neutro Roberts e la cura del corpo, in GDA Press, 2 giugno 2014. URL consultato l'11-05-2019.
  2. ^ a b G. Romanazzi, I belli . di Neutro Roberts, in myMarketing.net, 1º gennaio 2009. URL consultato l'11-05-2019.
  3. ^ S. Sammarro, Neutro Roberts tra web e riconoscimenti, in ModaOnline.it, 7 aprile 2009. URL consultato l'11-05-2019.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]