Natuzzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Natuzzi
Stato Italia Italia
Tipo Società per azioni
Borse valori NYSE: NTZ
Fondazione 1959 a Taranto
Sede principale Santeramo in Colle
Persone chiave
Settore Arredamento
Prodotti Divani, mobili e accessori
Fatturato 461,4 milioni € (2014)
Dipendenti 6.048 (2014)
Sito web www.natuzzi.com

Il Gruppo Natuzzi, fondato nel 1959 da Pasquale Natuzzi, disegna, produce e vende divani, poltrone, mobili e complementi d’arredo per uso residenziale. La holding Natuzzi S.pA. è quotata a Wall Street dal 1993. In Italia Natuzzi distribuisce i propri prodotti attraverso la catena di negozi in franchising Divani & Divani by Natuzzi.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Pasquale Natuzzi, attuale Presidente ed Amministratore Delegato del Gruppo Natuzzi, inizia la sua carriera nel 1959, all’età di 19 anni, aprendo un laboratorio artigianale a Taranto dove con tre collaboratori costruisce divani e poltrone per il mercato locale.

Nel 1962 si trasferisce a Matera dove dal 1967 avvia la produzione di divani e poltrone a livello industriale. Nel 1972 fonda la Natuzzi Salotti Srl. Un anno più tardi, a causa di un incendio che distrugge lo stabilimento di Matera, Pasquale Natuzzi decide di trasferire la produzione a Santeramo in Colle (Bari), dove si trova la sede del gruppo.

Intorno alla metà degli anni ‘70, la Natuzzi si presenta per la prima volta a una fiera dell'arredamento a Bari. Qui iniziano i contatti con alcuni clienti del Medio Oriente: Arabia Saudita, Israele, Giordania. Già nel 1976, l'azienda esporta in quei paesi il 60% del suo fatturato, il resto lo realizza in Italia.

Durante un viaggio negli USA, Pasquale Natuzzi avvia un contatto con i grandi magazzini Macy's.

Natuzzi viene quotata a Wall Street nel maggio del 1993.

Negli anni Novanta si apre a Taranto, per iniziativa di Pasquale Natuzzi, il primo negozio della catena in franchising Divani & Divani by Natuzzi.

Linee di prodotto[modifica | modifica wikitesto]

L'offerta aziendale è costituita da tre linee di prodotto:

Natuzzi Italia

Natuzzi Editions

Natuzzi Re-vive

Infine, il Gruppo gestisce una divisione dedicata alla vendita di prodotti private label/unbranded destinati ai mass-market dealer.

Esportazioni[modifica | modifica wikitesto]

Il Gruppo Natuzzi esporta il 90% della produzione in 123 mercati e detiene le maggiori quote di mercato in EMEA con il 45,2 % e nelle Americhe con il 41,8%. Il Gruppo realizza i suoi prodotti all’interno di siti produttivi ubicati in Italia, Cina, Brasile, Romania, orizzontalmente integrati. Natuzzi controlla il 92% delle materie prime e dei semilavorati, 82% dei servizi. La rete distributiva ha circa 1.100 punti vendita Natuzzi. Il fatturato al 31/12/2014 è pari ad € 461,4 milioni. I dipendenti del Gruppo Natuzzi sono 6.048.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giorgio Fiorentini; Giulio Sapelli; Giorgio Vittadini, Imprenditore: risorsa o problema? Impresa e bene comune - Milano, BUR Biblioteca Universale Rizzoli, 2014
  • Agnese Sinisi, Natuzzi Un divano a Wall Street – Milano, Egea, 2008
  • Federico Pirro, Angelo Guarini, Grande Industria e Mezzogiorno 1996-2007 – Bari, Cacucci Editore, 2008
  • Federico Rampini, L’impero di Cindia – Milano, Mondadori, 2007
  • Gianfranco Viesti, Il Sud che attrae - Donzelli Editore, 2002
  • Franco Tatò, Perché la Puglia non è la California - BC Dalai Editore,2002
  • Mauro Castelli, Questa Italia siamo noi – Milano, Il Sole 24 Ore, 2000
  • Roberto Napoletano, Fatti per vincere, Sperling&Kupfer, 1999

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]