Napoleone Caix

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Napoleone Caix (Bozzolo, 24 agosto 1843Bozzolo, 22 ottobre 1882) è stato un filologo e insegnante italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Di cagionevole salute, venne avviato agli studi classici presso l'imperiale e regio Liceo Ginnasio di Cremona, ora "Liceo Daniele Manin", dove ebbe come docente il celebre filologo e patriota Gaetano Trezza.

Nel 1859, alla vigilia della seconda guerra di indipendenza, Caix lasciò la casa paterna per cercare di arruolarsi nei volontari dell'esercito sardo, dal quale venne però rifiutato dopo la visita medica, a causa della giovane età e, soprattutto, della gracile costituzione fisica. [1]

Terminati gli studi liceali, nel 1862 si trasferì a Pisa per concorrere ad un posto di studio nella Scuola Normale Superiore, ove perfezionò la conoscenza di greco, latino, inglese e tedesco, oltre a studiare approfonditamente il sanscrito, l'arabo e l'ebraico. [2]

Per alcuni tempi insegnò Latino e Greco nel Liceo di Parma, fino a che venne chiamato all'Istituto di Studii Superiori di Firenze per l'insegnamento di dialettologia, poi tramutato in cattedra di Lingue romanze.

Autore di svariate opere destinate a divenire fondamentali per la neonata filologia romanza, era solito dedicarsi all'insegnamento ed alla stesura degli scritti durante i mesi invernali e, in quelli estivi, avventurarsi in lunghi viaggi per scoprire direttamente le fonti dei vari linguaggi, a dispetto della malferma salute.

Nell'estate del 1882 affrontò un estenuante viaggio di studio in Ungheria e Russia, al termine del quale si fermò nel paese natale per un periodo di riposo. Il male che aveva già mietuto parecchie vittime nella sua famiglia ebbe ragione di lui in poche settimane.

La sua ultima opera, un trattato sulle lingue dei popoli balcanici e sulle relazioni che esse hanno con l'italiano, compilata nel corso dell'estate 1881 durante un viaggio di studio in Romania, a lungo cercata da amici e colleghi, non venne più ritrovata. [3] I suoi studi e appunti di linguistica e lingue romanze furono acquisiti dall'Università di Firenze e qui consultati da tutti i filologi della prima metà del XX secolo. Danneggiati dall'alluvione del 1966, vennero tratti in salvo dai volontari, benché mischiati a quelli del filologo dalmata Adolfo Mussafia: gli studi di Caix sono in attesa di riclassificazione e restauro.

Archivio[modifica | modifica wikitesto]

Il fondo Napoleone Caix[4] fu acquistato presumibilmente negli anni ’80 ed è in discrete condizioni (salvo le parti alluvionate). La documentazione è da riordinare e parzialmente frammista a quella di Adolfo Mussafia. 5 contenitori di materiale; 5 contenitori di materiale manoscritto (carteggio, materiali preparatori, ecc.) riguardante argomenti di linguistica e lingue romanze: Corrispondenza: alcuni nuclei di corrispondenza, anche familiare; Materiali preparatori: materiali relativi all’attività didattica; Manoscritti: materiali di approfondimento relativi a studi di linguistica e fonetica[4].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Saggio sulla storia della lingua e dei dialetti d'Italia, Parma, 1872.
  • Studi di etimologia italiana e romanza, Firenze, Sansoni, 1878.
  • Le origini della lingua poetica italiana. Principii di grammatica storica italiana, Firenze, Le Monnier, 1880.
  • Molière e il suo Tartuffo, in «Nuova Antologia», 32, 1882, pp. 393-414.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fonte: Lorenzo Renzi, Napoleone Caix e Ugo Angelo Canello, in Letteratura italiana - I Critici, volume primo, Milano, Marzorati, 1970, p. 612. Questa ed altre notizie biografiche su Napoleone Caix raccolgono le testimonianze di Pasquale Villari, «che gli fu maestro e che sopravvisse alla sua morte.»
  2. ^ Alla Normale di Pisa - dove era stato ammesso per concorso collocandosi al primo posto nella relativa graduatoria - ebbe maestri come Pasquale Villari, Domenico Comparetti e Alessandro D'Ancona. Fonte: Tullio De Mauro, Caix, Napoleone, in Dizionario biografico degli Italiani, volume 16, 1973.
  3. ^ Fonte: Tullio De Mauro, Op. cit., Ibidem.
  4. ^ a b Fondo Caix Napoleone, su SIUSA Sistema Informativo Unificato per le Soprintendenze Archivistiche. URL consultato il 12 settembre 2018.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN25748849 · ISNI (EN0000 0000 8799 399X · SBN IT\ICCU\SBLV\316474 · GND (DE131878166 · BAV ADV10209485 · WorldCat Identities (EN25748849