NGC 5822

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
NGC 5822
Ammasso aperto
NGC 5822.png
NGC 5822
Scoperta
ScopritoreJohn Herschel
Data1836
Dati osservativi
(epoca J2000)
CostellazioneLupo
Ascensione retta15h 04m 24s[1]
Declinazione-54° 24′ 05″[1]
Distanza2990[2] a.l.
(917[2] pc)
Magnitudine apparente (V)6,5[1]
Dimensione apparente (V)40'
Caratteristiche fisiche
TipoAmmasso aperto
ClasseII 2 r
Età stimata662 milioni[2] / 1 miliardo[3] di anni
Altre designazioni
Mel 130; Cr 289; OCl 937[1]
Mappa di localizzazione
NGC 5822
Lupus IAU.svg
Categoria di ammassi aperti

Coordinate: Carta celeste 15h 04m 24s, -54° 24′ 05″

NGC 5822 è un grande ma disperso ammasso aperto visibile nella costellazione australe del Lupo.

Osservazione[modifica | modifica wikitesto]

Mappa per individuare NGC 5822.

È individuabile due gradi a SSW di ζ Lupi, la stella luminosa più meridionale della costellazione, con una certa difficoltà pure con l'ausilio di un binocolo, a causa della sua scarsa concentrazione stellare; con un telescopio di 100mm è possibile terminarne la risoluzione anche a bassi ingrandimenti. Con strumenti più grandi si possono osservare anche i campi stellari di fondo, ma già medi ingrandimenti non consentono di avere una visione d'insieme dell'oggetto a causa delle sue grandi dimensioni. L'ammasso appare composto da un centinaio di stelle disposte in un cerchio fortemente schiacciato e allungato in senso est-ovest, con diametro maggiore apparente di 40' d'arco ed è dominato da stelle bianche e gialle a partire dalla magnitudine 9.

A causa della sua declinazione fortemente meridionale, quest'ammasso può essere osservato soprattutto da osservatori situati nell'emisfero australe della Terra; la sua osservazione dall'emisfero nord è possibile solo in vicinanza delle latitudini tropicali.[4] Il periodo migliore per la sua osservazione nel cielo serale è quello compreso fra maggio e ottobre.

Storia delle osservazioni[modifica | modifica wikitesto]

NGC 5822 fu individuato da John Herschel nel 1836, essendo sfuggito a James Dunlop, che studiò e scoprì numerosi altri oggetti anche nelle immediate vicinanze di quest'ammasso; John Herschel lo descrisse come un ammasso stellare di grandi dimensioni con componenti a partire dalla magnitudine 9, inserendolo poi nel suo catalogo col numero 3588.[5]

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

NGC 5822 è un ammasso aperto di grandi dimensioni sia apparenti che reali, situato alla distanza di 917 parsec (2990 anni luce)[2] in corrispondenza del bordo più esterno del Braccio del Sagittario. La sua età è stimata attorno ai 660 milioni di anni ed è così in una fase di evoluzione intermedia, similmente a quanto avviene col ben noto ammasso delle Iadi.[6]

Nonostante le sue estese dimensioni, appare come un oggetto piuttosto ricco e popolato. Studi sulla metallicità delle sue componenti hanno mostrato che le giganti rosse presenti mostrano un'abbondanza di alcuni elementi decisamente più alta rispetto alle componenti meno massicce; gli stessi studi hanno tuttavia rilevato per l'ammasso un'età di 1 miliardo di anni, significativamente maggiore rispetto ad altre stime.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d SIMBAD Astronomical Database, su Results for NGC 5822. URL consultato il 19 giugno 2013.
  2. ^ a b c d WEBDA page for open cluster NGC 5822, su univie.ac.at. URL consultato il 19 giugno 2013.
  3. ^ a b Pace, G.; Danziger, J.; Carraro, G.; Melendez, J.; François, P.; Matteucci, F.; Santos, N. C., Abundances and physical parameters for stars in the open clusters NGC 5822 and IC 4756, in Astronomy and Astrophysics, vol. 515, giugno 2010, pp. id.A28, 9, DOI:10.1051/0004-6361/200913029. URL consultato il 19 giugno 2013.
  4. ^ Una declinazione di 54°S equivale ad una distanza angolare dal polo sud celeste di 36°; il che equivale a dire che a sud del 36°S l'oggetto si presenta circumpolare, mentre a nord del 36°N l'oggetto non sorge mai.
  5. ^ Catalogo NGC/IC online - result for NGC 5822, su ngcicproject.org. URL consultato il 19 giugno 2013 (archiviato dall'url originale il 28 maggio 2009).
  6. ^ Twarog, Bruce A.; Anthony-Twarog, Barbara J.; McClure, Robert D., A photometric analysis of the intermediate-age open cluster NGC 5822, in Astronomical Society of the Pacific, Publications, vol. 105, nº 683, gennaio 1993, pp. 78-97, DOI:10.1086/133129. URL consultato il 19 giugno 2013.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Catalogo NGC/IC online, su ngcicproject.org. URL consultato il 7 settembre 2009 (archiviato dall'url originale il 28 maggio 2009).
  • Tirion, Rappaport, Lovi, Uranometria 2000.0, William-Bell inc. ISBN 0-943396-15-8

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Oggetti del profondo cielo Portale Oggetti del profondo cielo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di oggetti non stellari