Moses Levy

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ragazza sulla spiaggia di Viareggio

Moses Levy (Tunisi, 3 febbraio 1885Viareggio, 2 aprile 1968) è stato un pittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato da padre inglese e madre italiana[1], studia in una scuola italiana a Tunisi ma all'età di dieci anni, per ragioni di salute della madre, si trasferisce con la famiglia in Italia.

Nel 1900 si iscrive all'Istituto di Belle Arti di Lucca e trova come compagno di studi Lorenzo Viani. Levy e Viani frequentano assieme a Firenze anche i corsi della Scuola di Nudo dell'Accademia di Belle Arti tenuti dal pittore Giovanni Fattori. In questo periodo, Levy si appassiona alla grafica ed entra in contatto con Renato Natali e con il gruppo di artisti che si riunisce al Caffè Bardi di Livorno, particolarmente dediti alla litografia, al disegno e all'acquaforte. Nel 1907 viene invitato alla Biennale di Venezia, dove espone alcune incisioni. Ritorna spesso a Tunisi dove comincia ad allontanarsi dalla formazione toscana e assimila le tinte forti della sua terra natale, dipingendo soggetti legati alla cultura locale. Nel 1911 organizza la prima mostra personale alla Camera di Commercio di Tunisi. Compie numerosi viaggi in Europa, fermandosi più volte a Parigi dove riesce anche a esporre nel 1932.

A causa delle leggi razziali fasciste Moses Levy deve lasciare l'Italia, si trasferisce a Nizza e ritorna successivamente a Tunisi. Alla fine della seconda guerra mondiale si trasferisce prima a Parigi e poi a Firenze; dal 1961 si trasferisce a Viareggio che gli consegnerà una medaglia d'oro. In questo periodo, nel suo casotto/studio sulla spiaggia di Viareggio, ha una costante frequentazione col pittore Gualtiero Passani (Carrara 1926), molto più giovane di lui, ma di cui apprezza molto il vigore creativo e il talento nella scelta dei colori.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Italiani di Tunisia, Ulteriori approfondimenti: Moses Levy, su italianiditunisia.com. URL consultato il 24 gennaio 2009.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Alessandra Giannotti, Claudio Pizzorusso, Incisioni di Moses Levy (1885-1968), Firenze, Leo Olschki editore, 1999
  • Gianfranco Bruno, Marcello Ciccuto, Enrico Dei, Moses Levy (1885-1968): le stagioni del colore, Pontedera, Bandecchi & Vivaldi, 2002

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN64855868 · ISNI (EN0000 0000 6683 6581 · LCCN (ENno99040401 · GND (DE121158071 · BNF (FRcb14403951h (data) · BNE (ESXX1558322 (data) · ULAN (EN500087772 · BAV ADV12570479 · WorldCat Identities (ENlccn-no99040401