Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Moschea di Amr ibn al-As

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Moschea di ʿAmr ibn al-ʿĀṣ
Mosque of Amr Entrance.jpg
Facciata della moschea
Stato Egitto Egitto
Governatorato Governatorato del Cairo
Località Il Cairo
Religione Islam
Titolare ʿAmr ibn al-ʿĀṣ
Stile architettonico Architettura islamica
Inizio costruzione 842

Coordinate: 30°00′36.5″N 31°13′59.38″E / 30.010139°N 31.233161°E30.010139; 31.233161

La moschea di ʿAmr ibn al-ʿĀṣ (in arabo: جامع عمرو بن العاص‎, Jāmiʿ ʿAmr ibn al-ʿĀṣ), chiamata anche moschea di ʿAmr, è stata originariamente costruita nel 642 a Fusṭāṭ - capitale dell'Egitto fino ad allora assoggettato al Califfato dei Rashidun - subito dopo la conquista arabo-islamica da parte del generale musulmano coreiscita ʿAmr ibn al-ʿĀṣ.
La struttura originale è stata la prima moschea mai costruito in Egitto, e per estensione, la prima moschea nel continente africano. Si tratta di un moschea attiva che, quando le preghiere non sono in atto, è aperta ai visitatori e turisti.

A causa della vasta ricostruzione nel corso dei secoli, nulla è rimasto dell'edificio originale, tuttavia la tale ricostruzione divenne un importante punto di riferimento nella zona della "Cairo Vecchia".

  • Nell'827 la moschea, è stata raddoppiata con sette navate, costruite parallelamente alla parete che ospita la qibla e definita da portici su colonne; l'ultima colonna di ogni fila è stata fissata alla parete da un'architrave di legno intagliato, con un fregio tipo tardo-ellenistico. Tali architravi, nonché resti di archi sporgenti, possono essere osservati lungo la parete sud della moschea.
  • La tomba di ʿAbd Allāh, figlio di ʿAmr ibn al-ʿĀṣ, è stata incorporata nella moschea.
  • Colonne di varie chiese sono stati riutilizzate per l'arco della qibla.
  • Il riassetto delle navate per renderle perpendicolare al muro della qibla è del XVIII secolo; le colonne in ingresso e lato portici, cortile, e la fontana sono del XX secolo.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Amr Ibn al-As Mosque

Controllo di autorità VIAF: (EN131800843