Moschea dell'Imam 'Ali

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ḥaram al-Imām ʿAlī
Meshed ali usnavy (PD).jpg
La moschea-mausoleo nel 2003
StatoIraq Iraq
LocalitàNajaf
ReligioneIslam sciita
FondatoreʿAbbās I il Grande
Stile architettonicoislamico
Inizio costruzione1623
Completamento1632

Coordinate: 31°59′46″N 44°18′51″E / 31.996111°N 44.314167°E31.996111; 44.314167

La moschea dell'Imām ʿAlī (in arabo: حرم الإمام علي‎, Ḥaram al-Imām ʿAlī), nota anche come Masjid ʿAlī o moschea di ʿAlī, sita a Najaf (Iraq) è considerata dai circa 200 milioni di sciiti del mondo, il terzo luogo santo dell'islam (dopo i primi due, cioè, al primo posto, l'al-Masjid al-Ḥaram della Mecca e al secondo la Moschea del Profeta) di Medina. ʿAlī ibn Abī Ṭālib, cugino e genero di Maometto, quarto califfo ortodosso per i sunniti e primo Imam per gli sciiti vi è sepolto. Inumato accanto ad ʿAlī vi sarebbero, per gli stessi sciiti, i resti di Adamo ed Eva, nonché di Noè (per i musulmani Nūḥ).[1]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il santuario fu costruito dal governante sciita buwayide 'Adud al-Dawla nel 977 sopra la tomba di ʿAlī. Dopo essere stato distrutto da un incendio, fu riedificato dal sultano selgiuchide Malik Shah I nel 1086. Ricostruito una terza volta dallo scià safavide Ismāʿīl I poco dopo il 1500, nel 1623 ʿAbbās I il Grande commissionò a 500 uomini la riedificazione, conclusa da suo nipote Safi nel 1632.

Durante l'insurrezione del marzo 1991, a seguito della guerra del Golfo, la Guardia repubblicana irachena di Saddam Hussein danneggiò il santuario, dove s'erano rifugiati i membri dell'opposizione sciita al regime, e massacrando tutti i suoi occupanti. In seguito il santuario restò chiuso per due anni, ufficialmente per le riparazioni. Saddam Husayn deportò in Iran un gran numero di residenti dell'area, che erano di discendenza persiana.
È stato nuovamente restaurato dal capo spirituale degli ismailiti Dawudi Bohra, il 52° dāʿī muṭlaq, Dr. Syedna Mohammad Burhanuddin.

Status religioso[modifica | modifica wikitesto]

L'interno della moschea dell'Imām ʿAlī (prima dei restauri del 2008)
Moschea dell'Imām ʿAlī (prima dei restauri del 2008)

In quanto luogo di sepoltura della seconda personalità più rilevante dell'islam (dopo il profeta Maometto),[2] la Moschea dell'Imam ʿAlī è considerata da tutti gli sciiti come il terzo luogo più sacro dell'Islam[2][3][4][5][6][7] (a differenza dei sunniti che considerano al terzo posto la città di Gerusalemme, con la sua Moschea al-Aqsā).
Si calcola che solo Karbalā (luogo in cui fu trucidato al-Ḥusayn b. ʿAlī), Mecca e Medina vantino un maggior numero di pellegrini.[8]

Luogo di sepoltura di profeti[modifica | modifica wikitesto]

All'interno della moschea, gli sciiti credono che siano stati seppelliti anche Adamo (considerato il primo profeta della storia umana) ed Eva[9][10] e Noè.[1][10]

Il sito è visitato annualmente da almeno 8 milioni di pellegrini di media, con punte che per il futuro si calcolano di almeno 20 milioni.[11] Molti sciiti credono che ʿAlī non volesse che la sua tomba rischiasse di essere sconsacrata dai suoi nemici e che, di conseguenza, avesse chiesto a amici e familiari di conservare il segreto sul suo luogo d'inumazione. Si suppone che il luogo di sepoltura sia stato rivelato in età abbaside da Jaʿfar al-Ṣādiq, il sesto Imam per lo sciismo.[12] Numerosi sciiti credono che ʿAlī sia sepolto nella Moschea di Najaf.[13]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Ja'far ibn Qūlawayh al-Qummi, Kāmil al-Ziyārāt, trans. Sayyid Mohsen al-Husaini al-Mīlāni, Shiabooks.ca Press, 2008, pp. 66–67.
  2. ^ a b Never Again! Archiviato il 5 agosto 2007 in Internet Archive. ShiaNews.com
  3. ^ Iran Diary, Part 2: Knocking on heaven's door Asia Times Online
  4. ^ Muslim Shia's Saint Imam Ali Holy Shrine - 16 Images Archiviato il 5 settembre 2010 in Internet Archive. Cultural Heritage Photo Agency
  5. ^ The tragic martyrdom of Ayatollah Al Hakim calls for a stance Archiviato il 18 settembre 2010 in Internet Archive. Modarresi News, September 4, 2003
  6. ^ Zaman Online, August 13, 2004 Archiviato il ottobre 28, 2006 Data nell'URL non combaciante: 28 ottobre 2006 in Internet Archive.
  7. ^ Why 2003 is not 1991 The Guardian, April 1, 2003
  8. ^ Iraqi forces in Najaf take cover in important Shia shrine The Boston Globe, April 2, 2003]
  9. ^ Jaʿfar ibn Qūlawayh al-Qummi, 10, in Kāmil al-Ziyārāt, trans. Sayyid Moḥsen al-Ḥusaynī al-Mīlānī, Shiabooks.ca Press, 2008, pp. 66–67.
  10. ^ a b Iraq
  11. ^ Red tape curbs profits from Iraq religious tourism (Reuters), 16 febbraio 2009. URL consultato il 9 maggio 2009.
  12. ^ Majlesi, V.97, p. 246-251
  13. ^ Mohammad Redha, Mohammad Agha, Imam Ali Ibn Abi Taleb (Imam Ali the Fourth Caliph, 1/1 Volume), Dar Al Kotob Al ilmiyah, 1999, ISBN 2-7451-2532-X.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN157846291 · WorldCat Identities (EN157846291