Morte innaturale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Morte innaturale (romanzo))
Morte innaturale
Titolo originaleUnnatural exposure
AutorePatricia Cornwell
1ª ed. originale1997
1ª ed. italiana1998
Genereromanzo
Sottogeneregiallo
Lingua originale inglese
AmbientazioneStati Uniti
ProtagonistiKay Scarpetta
CoprotagonistiPete Marino
AntagonistiDeadoc
Altri personaggiLucy Farinelli, Benton Wesley
Preceduto daCausa di morte
Seguito daPunto di origine

Morte innaturale è un romanzo di Patricia Cornwell. La protagonista è l'investigatrice Kay Scarpetta; in questo libro si trova di fronte al ritrovamento in una discarica di un cadavere smembrato, al quale sono state asportate braccia e gambe e presenta delle strane pustole lungo il corpo. Inizialmente questo omicidio sembra essere attribuibile ad un serial killer, ma un'indagine più accurata rivela che questa persona era stata infettata da un virus simile al vaiolo, un virus che dovrebbe essere stato sradicato dalla faccia della Terra.
Kay, dopo aver ricevuto un messaggio di posta elettronica con una foto del cadavere, scopre essere il bersaglio di Deadoc, un folle untore che vuole contagiare l'umanità con il virus e che riesce ad arrivare tanto vicino a lei da inocularle il virus.

Inizia quindi una lotta contro il tempo per risalire all'identità di deadoc ed evitare l'insorgere di una nuova pandemia mortale.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Patricia Cornwell, Morte innaturale, traduzione di Renato Pera, Mondadori, 2000, pp. 264.