Monte Argentella

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Monte Argentella
StatoItalia Italia
RegioneMarche Marche
Umbria Umbria
ProvinciaAscoli Piceno Ascoli Piceno
Perugia Perugia
Altezza2 200 m s.l.m.
Prominenza197 m
CatenaMonti Sibillini
Coordinate42°51′31.4″N 13°15′21″E / 42.858722°N 13.255833°E42.858722; 13.255833Coordinate: 42°51′31.4″N 13°15′21″E / 42.858722°N 13.255833°E42.858722; 13.255833
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Monte Argentella
Monte Argentella

Il monte Argentella è una montagna situata sul confine tra Marche e Umbria, tra le province di Ascoli Piceno e Perugia, nel parco nazionale dei Monti Sibillini.

Morfologia[modifica | modifica wikitesto]

La vetta di 2200 m s.l.m.[1] si innalza lungo lo spartiacque principale costituito dal crinale che congiunge il Monte Vettore e il Monte Sibilla, e che divide i Piani di Castelluccio a ovest dalla valle di Pilato a est. Lungo questo crinale si innalzano anche il monte Palazzo Borghese e il Monte Porche a nord, e la Cima del Redentore a sud.

Il versante occidentale digrada verso i Piani di Castelluccio, dove le pendici del monte diventano declivi erbosi (Colle Albieri, Colle Abruzzago, Colli Alti e Bassi) delimitati a nord dal fosso Brecciaro e dalla macchia di San Lorenzo, e a sud dal Fosso delle Fonti. Al contrario, il versante orientale è costituito da ripidi pendii rocciosi che si gettano nella valle del Lago di Pilato, e più a nord nell'alta valle dell'Aso.

Il crinale sud del Monte Argentella scende ripido verso il valico di Forca Viola, che separa la montagna dalla Cima del Redentore.

Paesi vicini[modifica | modifica wikitesto]

I paesi più vicini al monte Argentella sono Castelluccio di Norcia sul versante occidentale e Foce di Montemonaco sul versante orientale.

Percorsi[modifica | modifica wikitesto]

Il monte Argentella è raggiungibile dal versante sud tramite il valico di Forca Viola (percorso 554[2]), punto di incontro dei vari percorsi escursionistici che salgono dai Piani di Castelluccio (percorso 553[3]), dalla Capanna Ghezzi (percorsi 555[4] e 558[5]) e da Foce di Montemonaco (percorsi 151[6] e 153[7].

Il crinale nord si raggiunge con la vecchia Strada Imperiale che sale dai Piani di Castelluccio (percorsi 552[8] e 555, o tramite i sentieri provenienti dagli impianti sciistici di Monte Prata (percorso 261[9]; oppure da Foce di Montemonaco, salendo verso il laghetto di Palazzo Borghese e il Pian delle Cavalle (percorso 154[10]), o attraverso i Prati di Santa Maria.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Silvano Vinceti, Descrizione fisica, in Parco Nazionale dei Monti Sibillini, Armando Editore, 2007, pp. 19. URL consultato il 29 dicembre 2020.
  2. ^ Percorso Forca Viola-Monte Argentella, su hiking.waymarkedtrails.org. URL consultato il 30 aprile 2019.
  3. ^ Percorso Castelluccio di Norcia-Capanna Ghezzi, su hiking.waymarkedtrails.org. URL consultato il 30 aprile 2019.
  4. ^ Percorso Capanna Ghezzi-Passo di Sasso Borghese, su hiking.waymarkedtrails.org. URL consultato il 30 aprile 2019.
  5. ^ Percorso Passo di Sasso Borghese-Monte Argentella, su hiking.waymarkedtrails.org. URL consultato il 30 aprile 2019.
  6. ^ Percorso Foce-Lago di Pilato, su hiking.waymarkedtrails.org. URL consultato il 30 aprile 2019.
  7. ^ Percorso Lago di Pilato-Forca Viola, su hiking.waymarkedtrails.org. URL consultato il 30 aprile 2019.
  8. ^ Percorso Capanna Ghezzi-Forca Viola, su hiking.waymarkedtrails.org. URL consultato il 30 aprile 2019.
  9. ^ Percorso Rifugio la Baita-Passo di Sasso Borghese, su hiking.waymarkedtrails.org. URL consultato il 30 aprile 2019.
  10. ^ Percorso Rifugio la Baita-Passo di Sasso Borghese, su hiking.waymarkedtrails.org. URL consultato il 30 aprile 2019.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]