Neomonachus tropicalis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Monachus tropicalis)
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Foca monaca dei Caraibi
Cms-newyorkzoologicalsociety1910.jpg
Neomonachus tropicalis
Stato di conservazione
Status iucn3.1 EX it.svg
Estinto (1952)
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Carnivora
Superfamiglia Pinnipedia
Famiglia Phocidae
Genere Neomonachus
Specie N. tropicalis
Nomenclatura binomiale
Neomonachus tropicalis
Gray, 1850
Sinonimi

Phoca tropicalis, Monachus tropicalis

La foca monaca dei Caraibi (Neomonachus tropicalis Gray, 1850) è un mammifero pinnipede estinto presumibilmente negli anni cinquanta.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La foca monaca caraibica possedeva un corpo relativamente grande e robusto, raggiungeva i 2,4 m e pesava circa 170-270 kg. I maschi erano probabilmente un po' più grandi delle femmine. La loro colorazione era brunastra e/o grigio, con la parte inferiore più chiara della zona dorsale. Adulti erano più scuri dei giovani. La foca monaca caraibica era anche nota per avere le alghe che crescevano su loro pelo, dando loro un aspetto leggermente verdastro, simile alla foca monaca hawaiana.

Comportamento e biologia[modifica | modifica wikitesto]

I documenti storici suggeriscono che questa specie può aver avuto dei luoghi di agglomerazione di esemplari, i gruppi potrebbero essere stati organizzati in base all'età degli animali. La loro dieta molto probabilmente consisteva in pesci e crostacei.

Come altre foche la foca monaca caraibica non era molto veloce in terra. La sua mancanza di paura per l'uomo e una natura pacifica e curiosa hanno contribuito alla sua estinzione.

Riproduzione e longevità[modifica | modifica wikitesto]

Le foche monache caraibiche avevano una lunga stagione riproduttiva, in Messico raggiungeva il picco all'inizio di dicembre. Questa foca, come le altre foche monache, possedeva quattro capezzoli retrattili che servivano per allattare i propri piccoli. I cuccioli appena nati erano lunghi probabilmente circa 1 metro e pesavano circa 16-18 chilogrammi. Si ritiene che la durata media della vita di questo animale fosse stata di circa vent'anni.

Habitat[modifica | modifica wikitesto]

La foca monaca caraibica viveva in acque temperate, subtropicali e tropicali del Caraibi, Golfo del Messico e sull'Oceano Atlantico. Prediligeva gli atolli, isole appartate, lagune e barriere coralline, ma erano presenti anche sulle coste continentali e nelle acque profonde al largo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La presenza del mammifero nel Mar dei Caraibi è stata segnalata per la prima volta nel 1494 da Cristoforo Colombo che nel resoconto del suo secondo viaggio scrisse di averne ucciso 8 esemplari per ottenere la carne con cui sfamare il suo equipaggio[1]. L'ultimo avvistamento confermanto risale al 1952 quando lo studioso C.B. Lewis censì una piccola colonia presso l'isola Serranilla (Colombia), a 150 km dalla Giamaica[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Kyle Baker, So many seals, so little time: The rapid extinction of the Caribbean monk seal, The Monachus Guardian. URL consultato il 18 gennaio 2014.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi