Milunka Savić

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Milunka Savić
Milunka Savić.jpg
Milunka Savić
NascitaKoprivnica (Novi Pazar), 28 giugno 1888
MorteBelgrado, 5 ottobre 1973
Cause della morteNaturale
Luogo di sepolturaNovo Groblje
EtniaSerba
Religionesconosciuta
Dati militari
Paese servitoSerbia
Anni di servizio1912 -1919
GradoSergente
GuerrePrima guerra balcanica
Seconda guerra balcanica
Prima guerra mondiale
DecorazioniOrdine della Stella dei Karađorđević
Legion d'onore
Croce di San Giorgio
Ordine di San Michele e San Giorgio
Medaglia al valore Miloš Obilić
Croix de guerre 1914-1918
voci di militari presenti su Wikipedia

Milunka Savić (in cirillico: Милунка Савић?; Koprivnica (Novi Pazar), 28 giugno 1888Belgrado, 5 ottobre 1973) è stata una militare serba, che ha combattuto nelle guerre balcaniche e nella grande guerra. È stata la donna combattente più decorata nella storia della guerra.[1][2]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Savić è nata nel 1888, nel villaggio di Koprivnica, vicino a Novi Pazar, in Serbia. Nel 1912, suo fratello ricevette i documenti di convocazione per la mobilitazione per la prima guerra balcanica. Ha scelto di andare al suo posto, tagliandosi i capelli, indossando abiti da uomo e arruolandosi nell'esercito serbo. Vide subito il combattimento, ricevette la sua prima medaglia e fu promossa caporale nella battaglia di Bregalnica. Impegnata in battaglia, ha riportato ferite e solo allora, quando si è ripresa dalle ferite in ospedale, è emerso il suo vero sesso, con grande sorpresa dei medici curanti.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Ha ricevuto due volte la Legione d'Onore francese, così come la Croce russa di San Giorgio, la medaglia britannica dell'Ordine più illustre di San Michele e la medaglia serba Miloš Obilić. Fu l'unica donna a ricevere la Croix de Guerre francese 1914–1918 con l'attributo palma d'oro per il servizio nella prima guerra mondiale.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) John William Bills, Milunka Savić: The Tragic Story of the Most Decorated Woman in Warfare, su theculturetrip.com, 27 luglio 2018. URL consultato il 7 giugno 2020.
  2. ^ (EN) Milunka Savić, su serbia.com. URL consultato il 7 giugno 2020.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN309595252 · ISNI (EN0000 0004 4892 4341 · LCCN (ENnb2015001029 · GND (DE1052561241 · WorldCat Identities (ENlccn-nb2015001029