Milan Lukić

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Avvertenza
Alcuni dei contenuti riportati potrebbero urtare la sensibilità di chi legge. Le informazioni hanno solo un fine illustrativo. Wikipedia può contenere materiale discutibile: leggi le avvertenze.
Milan Lukić
Accused Milan Lukić.jpg
Milan Lukić durante il processo
Vittime accertate130+
Periodo omicidi1992-1993
Luoghi colpitiVišegrad
Metodi uccisioneassalto con arma da fuoco, incendio doloso, tortura
Altri criminisequestro di persona
Arresto2005
Provvedimentiergastolo

Milan Lukić (Милан Лукић; Foča, 6 settembre 1967) è un militare e assassino seriale jugoslavo, ex comandante della formazione paramilitare le "Aquile bianche".

Nel 1992, durante le Guerre jugoslave, si rese responsabile di numerose stragi e crimini contro l'umanità nella città di Višegrad[1], uccidendo più di 130 persone.[2] Il giudice dell'Aja Dermot Groome ha definito l'efficacia dello “stile-Lukić” come “un olocausto”.

Il 14 giugno del 1992, Lukić e i suoi paramilitari hanno chiuso un gruppo di musulmani, principalmente donne, bambini e anziani, in una casa di Višegrad. Hanno barricato porte e finestre e hanno appiccato il fuoco. In quell'occasione 66 persone sono state bruciate vive: la più anziana aveva 75 anni, la più giovane era una bimba di due giorni. Lukić e i suoi uomini aspettavano fuori, con i fucili automatici, quelli che tentavano di scappare.

Due settimane dopo, il 27 giugno, hanno ripetuto il delitto. In una casa a Bikavac hanno rinchiuso e dato fuoco ad altri 70 musulmani. Zehra T., con la faccia deformata dalle fiamme, si è salvata buttandosi dalla finestra. Dentro la casa è rimasta sua sorella di nove anni. Milan Lukić e le sue “Aquile Bianche” sono accusati anche di due sequestri e dell'uccisione di 36 civili musulmani e di un croato.

Nel 1993 hanno fermato un treno che andava da Belgrado al Montenegro, prelevato 18 civili musulmani e un croato, e li hanno uccisi. L'operazione fu ripetuta al villaggio di Mioce (massacro di Sjeverin); hanno fermato un autobus, preso 17 musulmani, poi a Višegrad li hanno torturati e uccisi. "Quello che hanno fatto Milan e Sredoje Lukić non è l'opera di una banda di criminali… I delitti che hanno compiuto fanno parte di una impresa criminale e congiunta il cui scopo e intenzione era di distruggere una parte dei musulmani bosniaci come gruppo", ha precisato il giudice Groome.

Catturato in Argentina nel 2005, il 20 luglio 2009 è stato condannato all'ergastolo dal Tribunale Penale Internazionale per l'ex-Jugoslavia assieme al cugino Sredoje.[3]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN276147204 · ISNI (EN0000 0003 8454 0102 · LCCN (ENnb2012025122 · GND (DE1051017017