Microcircolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Il microcircolo è l'insieme dei vasi ematici con dimensioni inferiori a 200 micron. Attraverso questi vasi avvengono gli scambi trofico-metabolici che intercorrono tra sangue e tessuti.

È costituito da cellule endoteliali, cellule circolanti come eritrociti, leucociti e piastrine. Per malattie legate al microcircolo ci si può rivolgere anche ad un chirurgo cardiovascolare.

Come visualizzarlo[modifica | modifica wikitesto]

È possibile visualizzare il microcircolo sublinguale con tecnica non invasiva per mezzo di un videomicroscopio che utilizza l'OPS[non chiaro].

I capillari meglio indagabili sono quelli della cute periungueale delle mani, e lo strumento di osservazione utilizzato da anni è la videocapillaroscopia, attualmente a fibre ottiche.

Alterazioni[modifica | modifica wikitesto]

Possono essere numerose le anomalie morfologiche e funzionali dei capillari. Le malattie che causano danni nel microcircolo (microangiopatie) sono varie, tra le quali il diabete mellito, l'ipertensione arteriosa e i disordini endocrini.

Alterazioni del microcircolo sono state documentate nella sepsi, dove la densità capillare e la reologia sono alterate. Nei casi di alterazione, spesso a causa dell'aumentata permeabilità vascolare, si formano micro-emorragie che possono condurre alla distruzione del capillare.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina