Michel Le Nobletz

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Michel Le Nobletz
Il venerabile Michel Le Nobletz (1577-1652)
Il venerabile Michel Le Nobletz (1577-1652)
Nascita 29 settembre 1577
Morte 5 maggio 1652
Beatificazione in corso dal 1701
Canonizzazione dichiarato venerabile nel 1897

Venerabile Michel Le Nobletz (in bretone: Mikêl an Nobletz; Plouguerneau, 29 settembre 1577Le Conquet, 5 maggio 1652) è stato un religioso e missionario francese, considerato assieme a Julien Maunoir uno dei due grandi missionari presso la popolazione della Bretagna [1][2], ai quali si deve il risveglio della devozione cristiana a cui si assistette in quella regione nel XVII secolo[1].

Soprannominato per il suo zelo da alcuni detrattori ar beleg foll, ovvero il "prete folle"[1][2], Le Nobletz ideò un metodo che prevedeva l'insegnamento di parabole e scene bibliche attraverso delle immagini che recavano delle scritte in bretone.[3] Queste tavole illustrate, dette in bretone taolennoù[3], sono state in seguito usate anche da missionari di altri Paesi fino al 1950[3] e sono state tradotte in 256 lingue[3].

A lui è intitolato un collegio a Le Conquet.[4]

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Una predica di Michel Le Nobletz
Apparizione della Vergine a Michel Le Nobletz

Michel Le Nobletz nacque a Kerodern[1][2][5] nei dintorni di Plouguerneau, il 29 settembre 1577[1][2][5]Era il quarto figlio[5] di Hervé Le Nobletz e Françoise de Lesvern (o Lesguern), entrambi di origine nobile[1] e aveva sei sorelle e quattro fratelli[1].

Dopo aver studiato in varie scuole locali[1], all'età di 13 anni si recò a Ploudaniel, dove studiò per 6 anni presso un sacerdote di nome Alain Le Guern. [1]

In seguito studiò teologia e filosofia presso i Gesuiti, dapprima a Bordeaux e poi ad Agen.[1][5][2]

Terminati gli studi, fece ritorno nella casa natale, ma fu cacciato dal padre.[1] Andò così a stabilirsi nella casa della sua vecchia balia, dove per sei mesi insegnò catechismo a i bambini.[1]

Le Nobletz decise quindi di trasferirsi a Parigi, per proseguire i propri studi alla Sorbona.[1]

Nel 1607, fu ordinato sacerdote[1][2][5], come consigliatogli da Padre Cotton, un gesuita, confessore di Enrico IV di Francia[1]

Tornato in Bretagna, si votò per un periodo a vita ritirata sulla spiaggia di Trémenech (o Trémenach), situata nei dintorni della sua città natale.[1][5]

Nel 1608 si recò presso un convento di Dominicani di Morlaix, ma fu cacciato dopo sei mesi per aver strappato il quadro di una benefattrice.[5]

In seguito, iniziò la propria attività di missionario.[1]: nel 1611 si stabilì a Lochrist, nei dintorni di Plougonvelin [1]; predicò quindi nelle isole di d'Ouessant, di Molènes e di Batz[1][5].

In seguito, si trasferì da Pointe de Mathieu raggiungendo la Bassa Bretagna.[1] Qui fu però considerato un fanatico[1], anche se in sua difesa intervenne l'abate di Louët, il grande vicario del Léon [1].

Quindi, dopo una missione fallimentare a Landerneau, nel 1614 Le Nobletz partì per la provincia della Cornovaglia [1][5][2], dove predicò a Pont-Labbé, a Concarneau e Audierne [1].

Nel 1618, si ritirò quindi nei dintorni di Douarnenez, dove rimase per 25 anni[1], prima di trasferirsi a Le Conquet, nella diocesi di Léon[1][2]

Predica di Michel Le Nobletz a Douarnenez

Morì a Le Conquet il 5 maggio 1652, all'età di 74 anni.[1][5][2]

Fu sepolto nella proprietà della famiglia Halgouët a Lochrist, dove in sua memoria fu eretta una statua a grandezza naturale. [1]

Dopo la sua morte, gli furono attribuiti vari miracoli[5] e la sua tomba divenne per molto tempo luogo di pellegrinaggio[5].

Taolennoù di Michel Le Nobletz[modifica | modifica wikitesto]

Le Miroir du Monde, una celebre tavola illustrata (taolenn) utilizzata da Michel Le Nobletz nel corso della sua opera di missionario

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z aa ab Dom Michel Le Nobletz su Info Bretagne
  2. ^ a b c d e f g h i Dom Michel Le Nobletz su Diocèse de Quimper
  3. ^ a b c d A.A.V.V., Bretagna, Dorling Kindersley, London, 2003 - Mondadori, Milano, 2004, p. 127
  4. ^ Collège Dom Michel Le Nobletz - Sito ufficiale
  5. ^ a b c d e f g h i j k l Dom Michel Le Nobletz su Plouguerneau.net

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN62726366 · GND: (DE133055809 · BNF: (FRcb155486542 (data) · BAV: ADV10867361