Massimo Catalano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Massimo Catalano con la tromba penultimo a destra nel gruppo dei I Flippers.

Massimo Catalano detto Max[1] (Roma, 28 gennaio 1936Amelia, 2 maggio 2013) è stato un musicista, trombettista e personaggio televisivo italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Da giovane, come musicista, fece parte dei South River Ragtime Band, ma il grande successo lo ebbe agli inizi degli anni '60 nel gruppo musicale I Flippers composto, oltre che da Catalano alla tromba, da Franco Bracardi al pianoforte, il fratello Maurizio Catalano al contrabbasso, Romolo Forlai al vibrafono e Fabrizio Zampa alla batteria e, per un anno, nel 1961, Lucio Dalla al clarinetto[2]. Ebbe modo di suonare anche con la band di Louis Armstrong.

Per la radio è stato autore e conduttore, con Diego Cugia, dei varietà Viva la radio (1983) e Lagrime (1985).

Divenne noto al grande pubblico per le sue partecipazioni a trasmissioni televisive, in particolare Quelli della notte, in cui si caratterizzava per dire ovvietà assolute[3] al punto di sentir spesso utilizzare il termine catalanata per indicare un'affermazione lapalissiana.

È morto nel 2013 all'età di 77 anni dopo una lunga malattia, nella sua villa ad Amelia in Umbria[4].

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Discografia con i Flippers[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: The Flippers.

Discografia solista[modifica | modifica wikitesto]

Trasmissioni televisive (parziale)[modifica | modifica wikitesto]

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • La vita è una tromba

Note[modifica | modifica wikitesto]