Mary Black

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mary Black
Mary Black in concerto all'Olympia di Dublino
Mary Black in concerto all'Olympia di Dublino
Nazionalità Irlanda Irlanda
Genere Musica celtica
Folk
Periodo di attività 1984 – in attività
Album pubblicati 17
Studio 11
Live 1
Raccolte 5
Sito web

Mary Black (Dublino, 22 maggio 1955) è una cantante irlandese.

La sua è una famiglia che si è sempre dedicata alla musica; il padre è stato un violinista, la madre una cantante, mentre i suoi fratelli avevano un loro gruppo musicale in cui lei stessa da giovane ha cantato. Anche la sorella, Frances Black, è una nota cantante.

Iniziò poi ad esibirsi con altri gruppi, tra cui la band musicale tradizionale irlandese dei De Dannan. A partire dal 1986 ha iniziato una carriera solista di successo, cimentandosi con generi diversi, spaziando dal jazz al country.

Nel 1987, 1988, 1992, 1994 e 1996 è stata nominata Miglior artista donna dalla Irish Recorded Music Association[1].

Per un certo numero di anni la rivista What Hi-Fi? ha considerato la voce di Mary Black di tale purezza da servirsene per i propri test al momento di paragonare la qualità degli impianti ad alta fedeltà.

È sposata con Joe O'Reilly della Dara Records, con cui ha avuto tre figli, Conor, Danny e Róisín. Danny fa parte del gruppo musicale The Coronas.

Discografia[modifica | modifica sorgente]

Album[modifica | modifica sorgente]

  • 1983: Mary Black
  • 1984: Collected
  • 1985: Without the Fanfare
  • 1987: By the Time It Gets Dark
  • 1989: No Frontiers
  • 1991: Babes in the Wood
  • 1993: The Holy Ground
  • 1995: Circus
  • 1997: Shine
  • 1999: Speaking with the Angel
  • 2003: Mary Black Live
  • 2005: Full Tide
  • 2011: Stories from the Steeples

Raccolte[modifica | modifica sorgente]

  • 1990: The Best Of Mary Black
  • 1992: The Collection
  • 1995: Looking Back
  • 2001: The Best of Mary Black 1991-2001 & Hidden Harvest
  • 2008: Twenty Five Years, Twenty Five Songs

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Biografia (HTML), The Mary Black Homepage. URL consultato il 24/04/2008.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 100192160 LCCN: no98078058