Martin Munkácsi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Leni Riefenstahl immortalata da Munkácsi su Time

Martin Munkácsi, nato Mermelstein Márton (Cluj-Napoca, 18 maggio 1896New York, 13 luglio 1963), è stato un fotografo ungherese. Lavorò principalmente fra la Germania (Berliner Illustrirte Zeitung e Die Dame) e gli Stati Uniti (Harper's Bazaar), e divenne celebre nel campo della fotografia di moda. Nel corso della sua carriera, fotografò Katharine Hepburn, Leslie Howard, Jean Harlow, Joan Crawford, Jane Russell, Louis Armstrong e Fred Astaire. Il suo lavoro è stato d'ispirazione per celebri fotografi come Richard Avedon e Henri Cartier-Bresson.

Iniziò la propria carriera come reporter sportivo per un quotidiano ungherese. Grazie a questa esperienza, si specializzò a catturare le immagini in movimento[1], e la applicò nella fotografia di moda, che fino a quel momento era principalmente basata su pose statiche. Munkácsi fotografò le modelle in pieno movimento, rivoluzionando del tutto lo stile fotografico ed istituendo i canoni utilizzati negli anni successivi da tutti i fotografi del genere.[2]

Nel 2012 la rivista The Times l'ha citato come una delle cento personalità che più hanno influenzato il mondo della moda nel corso del secolo.[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Martin Munkácsi (1896–1963) - By Lily Rothman, su time.com. URL consultato l'8 maggio 2012 (archiviato dall'url originale il 7 maggio 2012).
  2. ^ Martin Munkácsi: father of fashion photography Archiviato il 15 aprile 2012 in Internet Archive.
  3. ^ All-TIME 100 Fashion Icons, su time.com. URL consultato l'8 maggio 2012 (archiviato dall'url originale il 20 settembre 2012).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Martin Munkacsi: An Aperture Monograph di Martin Munkacsi e Susan Morgan, Aperture, 1992.
  • Martin Munkacsi di Klaus Honnef, Enno Kaufhold, Richard Avedon, e F. C. Gundlach, Aperture 2007.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN34589487 · ISNI (EN0000 0000 8371 3268 · Europeana agent/base/56971 · ULAN (EN500012064 · LCCN (ENn79073561 · GND (DE119306581 · BNE (ESXX1617896 (data) · BNF (FRcb129491604 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n79073561