Maris

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Maris (disambigua).

Maris era una divinità maschile del Pantheon etrusco.

Il nome Maris appare tre volte nelle regioni interne del Fegato di Piacenza e nel Disco di Magliano. Dalle fonti epigrafiche ed iconografiche, soprattutto trovate su specchi, la divinità appare sempre come un ragazzo giovane dai molteplici aspetti: protettore di dei olimpici e connesso con la morte e la risurrezione; in aggiunta, nel Fegato di Piacenza, appare in relazione a figure divine e mitologiche dell'ambito marziale[1].

Sebbene Adriano Maggiani supponga che Maris sia l'equivalente del latino Marte[2], è pur vero che Maris non viene identificato sempre come una divinità della guerra, ruolo che spetta a Laran.
La figura di Maris appare spesso in connessione con altre divinità: come un fanciullo sorretto da Menrva o sul ginocchio di Turan[3], in connessione con Hercle o Tinia. Questa associazione di Maris con altre figure divine ha fatto nascere l'ipotesi[4] che si possa trattare di una sorta di genio o spirito vitale, parte della personalità di un dio maggiore, piuttosto che divinità a sé stante. Questa ipotesi viene rafforzata nell'unica attestazione epigrafica votiva pervenuta: harth(ans) sians, genio.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ L. Bouke van der Meer, The bronze liver of Piacenza. Analysis of a polytheistic structure, Amsterdam, J.C. Gieben, 1987.
  2. ^ Adriano Maggiani, Qualche osservazione sul Fegato di Piacenza, Roma, Monumenti Antichi Lincei, 1982.
  3. ^ S. De Marinis, Maris, in Enciclopedia dell'arte antica, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1961. URL consultato il 21 gennaio 2015.
  4. ^ Daniele F. Maras, Maris e Laran. Quale Marte per gli Etruschi?, su Archeo.it, marzo 2010. URL consultato il 21 gennaio 2015 (archiviato dall'url originale il 21 gennaio 2015).
Controllo di autoritàVIAF (EN66157098345472550151