Mario Ascheri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Mario Ascheri (Ventimiglia, 7 febbraio 1944) è uno storico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È storico e docente di Storia del diritto medievale e moderno, ha insegnato presso Facoltà di Giurisprudenza dell'Università di Roma Tre, Sassari e Siena dove è ancora supplente di Storia del diritto processuale. Ha fondato la rivista Nova Itinera con Stefano Amore e Andrea Giordano.

È nel direttivo di molte riviste storiche italiane (come l'Archivio storico italiano, dove nel 2008 compara una discussione fra tre storici sul suo volume sulla città-Stato) e straniere.

È uno specialista di storia della giustizia e della giurisprudenza medievale e moderna, oltreché dei Comuni italiani, largamente noto all'estero per i suoi lavori specialistici sui consilia e i manoscritti giuridici basso-medievali; recentemente ha pubblicato lavori più generali su alcune categorie storiografiche (consuetudine, giurisdizione, oligarchia ecc.).[senza fonte]

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Siena nel rinascimento: istituzioni e sistema politico (Siena, 1985, il Leccio)
  • Tribunali, giuristi e istituzioni. Dal Medioevo all'età moderna (Bologna, 1989, nuova ed. 1970, il Mulino)
  • Diritto medievale e moderno (Rimini, 1991, Maggioli)
  • Istituzioni medievali (Bologna, 1994, il Mulino II ed. 1999)
  • Siena nella storia (Cinisello Balsamo, 2001, Silvana ed.)
  • La città-Stato. Le radici del repubblicanesimo e del municipalismo italiani (Bologna, 2006, il Mulino)
  • Introduzione storica al diritto medievale (Torino, 2007, Giappichelli)
  • Introduzione storica al diritto moderno e contemporaneo (Torino, 2008, II ed. riv., Giappichelli)
  • Il Costituto del Comune di Siena in volgare (1309-1310). Un episodio di storia della giustizia? (Firenze, 2009, Aska)
  • Siena nel primo Rinascimento dal dominio milanese a papa Pio II (Siena, 2010, Pascal)
  • Giuristi e istituzioni dal medioevo all'età moderna (secoli XI-XVII) (Keip, Stockstadt 2009)
Controllo di autorità VIAF: (EN192075754 · LCCN: (ENn86060082 · SBN: IT\ICCU\CFIV\006365 · ISNI: (EN0000 0003 8553 5444 · GND: (DE124666175 · BNF: (FRcb12139521r (data) · BAV: ADV10211000