Marie-Azélie Guérin Martin

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Santa Marie-Azélie Guérin Martin
Zélie Martin.JPG

Laica

Nascita Saint-Denis-sur-Sarthon (F), 23 dicembre 1831
Morte Alençon (F), 28 agosto 1877
Venerata da Chiesa cattolica
Beatificazione 19 ottobre 2008
Canonizzazione 18 ottobre 2015
Santuario principale Basilica di Santa Teresa a Lisieux
Ricorrenza 28 agosto

Marie-Azélie Guérin in Martin (Saint-Denis-sur-Sarthon, 23 dicembre 1831Alençon, 28 agosto 1877) nota anche come Zélie, fu la madre di Thérèse Martin, più nota come Teresa di Lisieux, la giovane morta ventiquattrenne e dottore della Chiesa, venerata come santa dalla Chiesa cattolica. È stata a sua volta beatificata e canonizzata insieme al marito Louis Martin.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Marie-Azélie Guérin nacque a Saint-Denis-sur-Sarthon (F), seconda figlia di Isidore Guérin e Louise-Jeanne Macé. Sua sorella maggiore, Marie-Louise, divenne monaca nel monastero della Visitazione, mentre suo fratello minore, Isidore, era un farmacista.

Zélie desiderava farsi suora nella congregazione delle Figlie della Carità di San Vincenzo de' Paoli, ma non poté accedere al noviziato a causa delle proprie difficoltà respiratorie e dei continui mal di testa. Zélie quindi rinunciò a quel progetto e pregò Dio di darle figli che si sarebbero consacrati a Lui.

Successivamente, dopo una locuzione interiore in cui Dio la invitava a ciò, decise di diventare una ricamatrice di merletti. Dopo un breve fidanzamento, nel 1858 sposò Louis Martin, un orologiaio.

La coppia ebbe 9 figli, ma solo cinque figlie giunsero all'adolescenza. Tutte e cinque le figlie si fecero suore:

  • Marie (22 febbraio 1860 - 19 gennaio 1940), carmelitana a Lisieux con il nome di Suor Marie del Sacro Cuore.
  • Pauline (7 settembre 1861 - 28 luglio, 1951), carmelitana a Lisieux con il nome di Madre Agnès di Gesù
  • Léonie (3 giugno 1863 - 16 giugno 1941), suora nel convento della visitazione a Caen, nota come sorella Françoise-Thérèse.
  • Céline (28 aprile 1869 - 25 febbraio 1959), carmelitana a Lisieux con il nome di sorella Geneviève del Sacro Volto.
  • Thérèse (2 gennaio 1873 - 30 settembre 1897), carmelitana a Lisieux con il nome di suor Thérèse del Bambin Gesù e del Sacro Volto, venerata come santa dalla Chiesa cattolica.

Marie-Azélie morì di tumore al seno il 28 agosto 1877 ad Alençon. I primi sintomi della malattia si erano manifestati fin dal 1865.

Culto[modifica | modifica wikitesto]

Beatificazione[modifica | modifica wikitesto]

A livello diocesano, i processi per la beatificazione di Luigi Martin e di sua moglie Zelia Guérin sono istruiti separatamente. Essi si tengono rispettivamente nelle diocesi di Bayeux-Lisieux e di Sées, dal 1957 al 1960. Ciascuno dei due è dichiarato, separatamente, Servo di Dio da San Giovanni XXIII.

Le due cause sono poi unificate quando vengono discusse di fronte alla Congregazione delle Cause dei Santi a Roma per volere del Beato Paolo VI, nel 1971.

Nel 1976 il Patriarca di Venezia Albino Luciani, futuro Giovanni Paolo I, scrive: "Quando ho sentito che era introdotta la causa di beatificazione dei genitori di santa Teresa di Gesù Bambino, ho detto: «Finalmente una causa a due! San Luigi IX è santo senza la sua Margherita, Santa Monica senza il suo Patrizio; Zelia Guérin, invece, sarà santa con Luigi Martin suo sposo e con Teresa sua figlia!»".[1]

Il 26 marzo 1994 la coppia dei Servi di Dio è proclamata Venerabile da Giovanni Paolo II. Nel 1995 è aperto in Vaticano il processo di beatificazione della coppia. All'intercessione dei coniugi è stato attribuito il miracolo della guarigione di un bambino di Muggiò, Pietro Schilirò, nato nel 2002 con una grave malformazione ai polmoni che non lasciava speranza.

Il 19 ottobre 2008 Zélie e Louis Martin sono beatificati dal cardinale José Saraiva Martins, legato di Papa Benedetto XVI, nella Basilica di Santa Teresa di Lisieux.

Canonizzazione[modifica | modifica wikitesto]

Entrambi i coniugi sono proclamati Santi da Papa Francesco il 18 ottobre 2015, quasi sette anni esatti dopo la beatificazione, durante la XIV Assemblea generale ordinaria del Sinodo dei vescovi, avente per tema La vocazione e la missione della famiglia nella Chiesa e nel mondo contemporaneo.

Memoria liturgica[modifica | modifica wikitesto]

La Chiesa li ricorda separatamente: Luigi Martin il 29 luglio e Zelia Guérin il 28 agosto, mentre la diocesi di Bayeux-Lisieux e i carmelitani scalzi ne fanno memoria il 12 luglio, vigilia del loro matrimonio.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://www.therese-de-lisieux.catholique.fr/I-coniugi-Martin-un-percorso-di-santita-che-ha-trasmesso-la.html
  2. ^ Da www.santiebeati.it

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Adreana Bassanetti, Quattro figli in cielo. L'incomparabile esempio di Zelia Guerin Martin, Roma, Edizioni OCD, 2008.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN71432271 · ISNI: (EN0000 0001 2281 6658 · BNF: (FRcb12173501h (data)