Maria Vittoria Longhitano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Maria Vittoria Longhitano (Enna, 04 ottobre 1974) è una vescovo italiana.


Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Trascorsa la sua infanzia a Nissoria in Sicilia, studia filosofia a Catania diventando docente nelle scuole superiori. Dopo dieci anni di servizio come lay-minister (ministro laico), il 22 novembre del 2009, è stata ordinata diacona della Chiesa Veterocattolica. Il 22 maggio 2010 presso la chiesa anglicana di Tutti i Santi a Roma viene ordinata presbitera (sacerdote) dal vescovo vetero-cattolico Fritz-René Müller, delegato della conferenza episcopale internazionale dell'Unione di Utrecht per l'Italia. È stata Arcidiacona (Vicaria Episcopale) per più di otto anni,della Chiesa Episcopale della Comunione Anglicana. È diventata un volto noto per gli italiani grazie alla sua partecipazione a diverse trasmissioni televisive e radiofoniche, soprattutto come opinionista fissa della Repubblica delle Donne, prima su Italia uno e poi, in prima serata, su Canale Cinque. Già nel 2010 aveva attirato l'attenzione sulla questione dei diritti civili, unendo due coppie omosessuali in matrimonio a Cormano. Ha scritto un libro insieme a Daniela Tuscano: "Femmine e preti non sono poeti". Dal 2008 è sposata con Andrea Lanza e ha una figlia. È la prima donna italiana ad essere stata consacrata Vescova nella Inclusive Anglican Episcopal Church (2021}. È Vescova della Inclusive Anglican Episcopal Church, pastora della Comunità "Madonna del Carmelo" in Catania, è responsabile della Fraternità Carmelitana ecumenica "Santa Maria del Monte Carmelo", counselor ad orientamento pastorale e direttrice dell'Istituto di Formazione "E. Stein" per la leadership nella Chiesa.

Attività pastorale[modifica | modifica wikitesto]

Esercita il suo ministero come ospite fissa in trasmissioni di intrattenimento di seconda serata

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN307333773 · SBN IT\ICCU\CFIV\244496 · WorldCat Identities (ENviaf-307333773