Maria Caterina Ruta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Maria Caterina Ruta (Palermo, ...) è un'accademica e ispanista italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Docente ordinario di letteratura spagnola dell'Università di Palermo, è stata direttore dell’Istituto di Lingue e letterature straniere della Facoltà di Magistero dal 1981 al 1984 e da quell'anno al 1990 della Facoltà di Lettere e Filosofia. Presidente del Corso di Laurea in Lingue e letterature straniere dal 1999 al 2004 e coordinatrice del Dottorato in Lingue e letterature iberiche e iberoamericane dell’Università di Palermo[1]. È stata presidente dell’Associazione Ispanisti Italiani per il triennio 2004-2006.[2]

Nei suoi studi si è occupata principalmente del Cervantes, dei quali ha tradotto dallo spagnolo e curato per Marsilio Il matrimonio a inganno e Il dialogo dei cani[3], e degli autori dell'Ottocento e della prima metà del Novecento (ha tradotto e curato Il futurismo, di Gabriel Alomar).

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Il Chisciotte e i suoi dettagli, Flaccovio, 2000
  • Novecento ispanico, Sellerio, 2006
  • Memoria del "Quijote, Centro de Estudios Cervantinos, 2008

Curatele[modifica | modifica wikitesto]

  • La Cultura spagnola durante e dopo il franchismo, Cadmo, 1982
  • Dai modernismi alle avanguardie, Flaccovio, 1991
  • Le parole dei giorni. Scritti per Nino Buttitta,, Sellerio, 2005
  • L'insula del Don Chisciotte, Flaccovio, 2007

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Onorificenze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Commendatore dell'Ordine di Isabella la Cattolica - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine di Isabella la Cattolica
— 24 marzo 2014[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàSBN IT\ICCU\CFIV\113383