Maria Bolognesi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Beata Maria Bolognesi

Mistica

 
NascitaBosaro, 21 ottobre 1924
MorteRovigo, 30 gennaio 1980
Venerato daChiesa cattolica
Beatificazione7 settembre 2013
Ricorrenza30 gennaio

Maria Bolognesi (Bosaro, 21 ottobre 1924Rovigo, 30 gennaio 1980) è stata una mistica italiana, proclamata beata nel 2013.

Cenni biografici[modifica | modifica wikitesto]

Figlia di una ragazza madre, ricevette il cognome dal patrigno. Crebbe in una famiglia indigente; poté frequentare solo i primi due anni della scuola elementare e subì l'emarginazione da parte dei coetanei. Lavorò come bracciante agricola.

All'inizio degli anni quaranta venne ritenuta colpita da una possessione diabolica, per la quale fu visitata anche da uno psichiatra, che la trovò però perfettamente normale. Fu considerata guarita dopo un anno e mezzo con l'aiuto della Chiesa e dei suoi ministri.[1]

Si distinse per lo spirito di servizio verso i più poveri: proteggeva gli orfani e assisteva i bambini che i genitori non potevano seguire per motivi di lavoro; visitava gli ammalati e li assisteva di notte negli ospedali.

Dopo un primo infarto nel 1971, morì per un secondo attacco cardiaco nel 1980[2]. Le sue spoglie furono in seguito traslate nella chiesa parrocchiale di San Sebastiano Martire di Bosaro, piccolo centro del Polesine dove ebbe i natali.

Il culto[modifica | modifica wikitesto]

Tomba di Maria Bolognesi nella chiesa parrocchiale di San Sebastiano Martire, a Bosaro

È stata beatificata il 7 settembre 2013 in un rito celebrato in piazza XX Settembre a Rovigo e presieduto dal cardinale Angelo Amato, prefetto della congregazione per le cause dei santi, in rappresentanza di papa Francesco.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La grande prova, su mariabolognesi.com. URL consultato il 29 ottobre 2018 (archiviato dall'url originale il 29 ottobre 2018).
  2. ^ Beata Maria Bolognesi Mistica, su santiebeati.it. URL consultato il 29 ottobre 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN5079147312830037970005 · GND (DE1112754997 · WorldCat Identities (ENviaf-5079147312830037970005