Maremma Livornese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Maremma Livornese
Stati Italia Italia
Regioni Toscana Toscana
Province Livorno Livorno
Località principali Rosignano Marittimo, Cecina, Bibbona, Castagneto Carducci, San Vincenzo, Campiglia Marittima, Sassetta, Suvereto e Piombino
Fiume Cecina, Fine
Altitudine media: m s.l.m.
Nome abitanti maremmani
Sito web
La Maremma Livornese presso Piombino

La Maremma Livornese, storicamente chiamata Maremma Pisana (o più raramente Maremma Piombinese e Maremma Volterrana[1]), è un territorio che si estende a sud del promontorio di Castiglioncello fino alla valle del fiume Cornia e al colle Poggio al Chiecco, a sud del quale è in uso la denominazione Maremma Grossetana. La zona costituisce la parte più settentrionale dell'intera Maremma, detta anche per questo motivo Alta Maremma o Maremma Settentrionale.[2]

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

L'area si estende tra la fascia costiera, denominata Costa degli Etruschi, e le prime propaggini collinari dell'entroterra; i territori comunali interessati, da nord a sud, sono quelli di Rosignano Marittimo, Cecina, Bibbona, Castagneto Carducci, San Vincenzo, Campiglia Marittima, Sassetta, Suvereto e Piombino (questi ultimi costituiscono anche gran parte del territorio della Val di Cornia).

La zona è particolarmente vocata alla produzione di eccellenti vini, soprattutto nell'area di Bolgheri, località citata da Giosuè Carducci nella celebre poesia Davanti a San Guido e nota per il suggestivo Viale dei Cipressi. Proprio davanti all'oratorio di San Guido si trova la rinomata tenuta dove viene prodotto il Bolgheri Sassicaia, uno dei migliori vini del panorama italiano e mondiale.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Il clima della zona risulta particolarmente mite e soleggiato, grazie anche alla costante ventilazione. Le piogge sono concentrate soprattutto nei mesi autunnali e sono comprese mediamente tra i 600 e i 700 mm annui; punte superiori si registrano nelle località in prossimità dei rilievi collinari delle Colline Metallifere.

Nella tabella sottostante sono riportati i dati climatici medi relativi al trentennio 1951-1980, forniti da alcune stazioni facenti capo al servizio idrologico[3].

Località latitudine altitudine temperatura
media annua
precipitazioni
medie annue
media di riferimento
Vada 1 metro s.l.m. 15,4 °C 740 mm 1951-1980
Cecina-Ghinghia 15 metri s.l.m. 15,3 °C 796 mm 1951-1980
Bibbona 160 metri s.l.m. 15,0 °C 822 mm 1951-1980
Castelluccio 108 metri s.l.m. 14,8 °C 767 mm 1951-1980
Renaione 3 metri s.l.m. 15,4 °C 661 mm 1951-1980
Donoratico 14 metri s.l.m. 15,3 °C 689 mm 1951-1980
Castagneto Carducci 194 metri s.l.m. 14,4 °C 832 mm 1951-1980
Sassetta 350 metri s.l.m. 13,9 °C 990 mm 1951-1980
San Vincenzo 2 metri s.l.m. 16,2 °C 737 mm 1951-1980
San Carlo Solvay 350 metri s.l.m. 13,9 °C 791 mm 1951-1980
Suvereto 112 metri s.l.m. 16,1 °C 795 mm 1951-1980
Venturina 7 metri s.l.m. 16,1 °C 744 mm 1951-1980
Populonia 170 metri s.l.m. 15,1 °C 775 mm 1951-1980
Casello di Cornia 5 metri s.l.m. 16,2 °C 684 mm 1951-1980
Vignarca 2 metri s.l.m. 16,2 °C 733 mm 1951-1980
Vignale 3 metri s.l.m. 16,2 °C 761 mm 1951-1980

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ AA. VV., Atlante storico mondiale, De Agostini, Novara 1993.
  2. ^ Lando Bortolotti, La Maremma settentrionale 1738-1970. Storia di un territorio. Milano, 1976.
  3. ^ Folco Giusti (a cura di). La storia naturale della Toscana meridionale. Milano, Amilcare Pizzi Editore, 1993. Tabelle di pag. 147-148

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]