Marek Grechuta

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Marek Grechuta
Popiersie Marek Grechuta ssj 20110627.jpg
Busto di Marek Grechuta nella Skwer Harcerski di Kielce
NazionalitàPolonia Polonia
GenereSung poetry
Rock progressivo
Periodo di attività musicale1967 – 2006
Sito ufficiale

Marek Grechuta (Zamość, 10 dicembre 1945Cracovia, 9 ottobre 2006) è stato un cantautore, compositore e paroliere polacco.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce subito dopo la grande guerra nella cittadina di Zamość, che lascerà per intraprendere gli studi di architettura al Politecnico Tadeusz Kościuszko di Cracovia. Durante il periodo degli studi universitari stringe amicizia con il compositore e pianista Jan Kanty Pawluśkiewicz, con cui fonderà il cabaret studentesco Anawa nel dicembre 1966.[1] L'anno seguente vince il secondo premio nel VI Concorso Musicale Studentesco (VI Ogólnopolski Konkurs Piosenkarzy Studenckich) e viene premiato per la canzone Tango Anawa, di cui è paroliere e Jan Kanty Pawluśkiewicz il compositore. Nel 1969 fa un'apparizione nel film Polowanie na muchy di Andrzej Wajda .

Nel 1971 lascia Anawa e fonda la banda WIEM (W Innej Epoce Muzycznej). Incominciano i successi e ben presto Grechuta viene conosciuto in tutto il territorio nazionale, anche grazie alla diffusione della radio. Le sue canzoni sono spesso caratterizzate da elementi poetici e letterari. Tra i suoi più grandi successi si ricordano: Kraków, Dni których nie znamy, Złote przeboje, Szalona lokomotywa, Krajobraz pełen nadziei. Nel 2003 collabora con il gruppo Myslovitz e ri-adatta la sua vecchia canzone Kraków.

La canzone Dni których nie znamy è l'inno della squadra di calcio polacca Korona Kielce.

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Marek Grechuta si sposò con sua moglie Danuta nel 1967 dalla quale ebbe un figlio, Łukasz.

È sepolto nel cimitero Rakowicki a Cracovia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Marek Grechuta, in Culture.pl. URL consultato il 09 febbraio 2018.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN6137445 · ISNI (EN0000 0000 8017 5425 · LCCN (ENno2006076399 · GND (DE133951324