Mannarino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il cantautore italiano, vedi Alessandro Mannarino.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il tennista francese, vedi Adrian Mannarino.
Utilizzo in cucina

Il mannarino (piccola mannaia,), anche detto mannarese o in dialetto mannaretta, è un coltello da cucina a punta piatta per la lavorazione della carne.

Con lo stesso nome sono anche note un tipo di roncola per usi agricoli e un'arma bianca.

Armi[modifica | modifica wikitesto]

Il mannarese è anche un'arma bianca senza punta, portata nel Settecento da alcuni militi comunali piemontesi.

Lo stesso nome è utilizzato per un tipo di lama in dotazione alle truppe Regio Esercito Italiano nella prima metà del XX secolo e distribuita sia singolarmente (portata alla cintura in apposita taschetta in cuoio con doppio passante), sia in accoppiata con baionetta (ad esempio il " Mannarese alleggerito mod. 1928" che, accoppiato alla "Baionetta per fucile Carcano mod.1891" era alloggiato in fodero in cuoio naturale e tasca porta-baionetta [1] ). Le versioni più recenti, del periodo della 2a guerra mondiale, avevano la tasca realizzata nella classica tela in canapagrigioverde da buffetterie con finiture in cuoio [2]. Il "Manuale per gli allievi ufficiali di fanteria" (ed. 1941) lo inserisce, insieme alla roncola, al picozzino da cavalleria ed a molti altri utensili, fra gli attrezzi per i "lavori del campo di battaglia"

Un tipo di mannarese, il Mannarese Mod. 1912, era dotazione della Legione Ceca dell'Esercito italiano (inquadrata presso gli Alpini); era destinata a truppe del genio, che se ne servivano come machete[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fonte
  2. ^ Fonte
  3. ^ Fonte

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]