Mangosuthu Buthelezi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Mangosuthu Buthelezi
Aankomst en vertrek, politici, portretten, Buthelezi, Mangosuthu, Bestanddeelnr 932-6173.jpg
Buthelezi nel 1983

Presidente del Partito della libertà di Inkatha
Durata mandato 21 marzo 1975 –
25 agosto 2019
Successore Velenkosini Hlabisa

Ministro degli affari interni
Durata mandato 10 maggio 1994 –
29 aprile 2004
Successore Nosiviwe Mapisa-Nqakula

Dati generali
Partito politico Inkatha Freedom Party
Università Università di Fort Hare e University of Natal

Mangosuthu Gatsha Buthelezi (Mahlabathini, 27 agosto 1928) è un politico e attivista sudafricano, parlamentare e leader della comunità Zulu nonché fondatore nel 1975 del Inkatha Freedom Party (IFP) e primo ministro del KwaZulu Bantustan fino al 1994; è stato ministro degli Interni del Sud Africa dal 1994 al 2004[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Per gran parte dell'era dell'apartheid, Buthelezi fu considerato uno dei principali leader della comunità nera. Ha svolto un ruolo chiave nella creazione e negoziata alla risoluzione del conflitto razziale in Sudafrica, firmando la storica dichiarazione di fede Mahlabatini nel 1974 con Harry Schwarz. Durante i negoziati CODESA dei primi anni 90, ha rappresentato l'IFP. In seguito all'introduzione del suffragio universale alle elezioni generali del 1994, Buthelezi guidò l'IFP all'interno del governo di unità nazionale di Nelson Mandela. Buthelezi è stato Ministro degli Affari interni fino al 2004. Continua ad essere sia il leader dell'IFP sia deputato del parlamento sudafricano, mantenendo il suo seggio ottenuto alle elezioni generali del 2014.

Il 20 gennaio 2019, Buthelezi ha annunciato che non si sarebbe ricandidato alle rielezione per un altro mandato come presidente del partito. Il partito durante la 35a Conferenza generale, ha eletto Velenkosini Hlabisa come suo successore.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN245905918 · ISNI (EN0000 0003 8598 0492 · LCCN (ENn80013008 · GND (DE118518089 · BNF (FRcb12035283b (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n80013008