Maid café

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Maid attirano clienti ad Akiba

Un maid café (メイドカフェ meido kafe?) è un particolare tipo di caffetteria a tema nata agli inizi del XXI secolo in Giappone.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il primo maid café è stato probabilmente il Cure Maid Café[1], aperto nel quartiere di Akihabara nel maggio 2001[2]. Pensati inizialmente per la clientela di appassionati di fumetto ed animazione che frequenta il quartiere, questi locali hanno riscosso crescente successo e notorietà[3], allargandosi ad un pubblico più vasto e travalicando i confini nazionali[4]. Sulla scia della popolarità del fenomeno, sono stati trasmessi show televisivi, pubblicati manga e avviate intere linee di prodotti.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Caratteristica fondamentale di un maid café è la maid, una ragazza in un particolare tipo di divisa da cameriera di foggia vittoriana o francese, riccamente decorata con pizzi e l'immancabile grembiule[5][6]. Al costume si accompagna la cura dell'ambiente e l'istruzione delle cameriere, che accolgono i clienti con la frase. «Ben rientrato a casa, onorato padrone!» (おかえりなさい、御主人様! Okaerinasai, Goshujin-sama!?) e possono intrattenerli con giochi ed esibizioni canore. Il fenomeno è affine al cosplay, e spesso è vissuto come tale dalle stesse maid[5][6].

Butler's Café[modifica | modifica wikitesto]

Per la clientela femminile sono nati i Butler's Café, in cui è il personale maschile (butler) a servire ai tavoli: specularmente alle maid, il butler segue un canovaccio che riprende gli stereotipi del domestico inglese[7]. Il primo Butler's Café è lo Swallowtail Café[8], aperto dall'imprenditrice venticinquenne Emiko Sakamaki in collaborazione con una famosa fumetteria. Sakamaki sostiene l'importanza della cura esteriore del butler, «riconoscibile dalle belle mani». In seguito anche i maid café più famosi, come il "Team Nyan Maidolls", il "Maid Okaeri Café", il "Pretty Guardian Cafè", l'"Honey cafè ", il "Kiseki Maid Cafè" e il "Tanoshimi Maid Café" si sono orientati all'utilizzo di uno staff misto.

Nell'ultimo periodo sono apparsi anche i primi Butler's Café italiani: il primo ad adottare un personale misto fin dalla sua nascita è stato il Chocorose Maid And Butler Cafè con sede a Torino[9][10].

I maid café in manga e anime[modifica | modifica wikitesto]

I maid café compaiono nelle seguenti opere (in ordine cronologico):

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Patrick W. Galbraith, Maid in Japan: An Ethnographic Account of Alternative Intimacy, su intersections.anu.edu.au, 25 febbraio 2011. URL consultato il 17 luglio 2018.
  2. ^ (EN) Diana Lee, Maid Cafés - The Expanding Industry in Japan, su uniorb.com, 15 giugno 2006. URL consultato il 17 luglio 2018 (archiviato dall'url originale il 22 febbraio 2016).
  3. ^ (EN) Patrick Galbraith, Best Tokyo maid cafés, CNN Travel, 13 novembre 2009. URL consultato il 17 luglio 2018 (archiviato dall'url originale il 4 luglio 2017).
  4. ^ (EN) Maid cafe for Dummies, su OtakuMind.com, 10 settembre 2014. URL consultato il 17 luglio 2014 (archiviato dall'url originale il 19 marzo 2016).
  5. ^ a b Artista giapponese illustra la storia dell'uniforme delle maid, AnimeClick.it, 17 giugno 2018. URL consultato il 17 luglio 2018.
  6. ^ a b (EN) Oona McGee, Japanese manga artist illustrates the history behind the maid cafe cosplay uniform, su SoraNews24, 22 maggio 2018. URL consultato il 17 luglio 2018.
  7. ^ (EN) Tokyo cafe taps into women's Prince Charming fantasies, su China Daily Europe, 20 febbraio 2008. URL consultato il 17 luglio 2018.
  8. ^ (EN) Pamela Drobig, [MOVIE] Lovely Being a Lady: Dining at the Swallowtail Butler Café, su LIVE JAPAN Perfect Guide, 1º luglio 2018. URL consultato il 17 luglio 2018.
  9. ^ Direttamente dal Giappone sbarca a Torino il fenomeno dei Maid Cafè, in LaPresse, 11 giugno 2014. URL consultato il 17 luglio 2018.
  10. ^ Fabiola Palmeri, Chocorose, il suono dolce delle torinesi, in la Repubblica, 11 giugno 2014. URL consultato il 17 luglio 2018.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

  • Band-Maid - una rock band giapponese formato da musiciste vestite come cameriere di maid café

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]