Maher Abd al-Rashid

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Maher Abd al-Rashid
Iraqi Commanders Iran-Iraq War (cropped).jpg
al-Rashid durante la Guerra Iran-Iraq
NascitaTikrit, 1942
MorteSulaymaniyya, 29 giugno 2014 (71-72 anni)
Dati militari
Paese servitoFlag of Iraq (1991–2004).svg Iraq
Forza armataFlag of the Iraqi Ground Forces.svg Esercito iracheno
Anni di servizio1963-2003
GradoColonnello generale
GuerreGuerra Iran-Iraq
Rivolte in Iraq del 1991
Guerra in Iraq
CampagneOperazione Ramadan
BattagliePrima battaglia di al-Faw
Seconda battaglia di al-Faw
Assedio di Bassora
Comandante di3ª Armata
"fonti nel corpo del testo"
voci di militari presenti su Wikipedia

Maher Abd al-Rashid (Tikrit, 1942Sulaymaniyya, 29 giugno 2014) è stato un generale iracheno, fu un importante comandante dell'Esercito iracheno durante la Guerra Iran-Iraq.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

appartenente alla tribù degli Al-Bu Nasir,[1] Rashid ha assunto notorietà durante la Guerra Iran-Iraq ed è stato considerato come uno dei più fidati generali di Saddam Hussein.[2] Ha servito come capo di stato maggiore iracheno fino al 1983 quando fu costretto a delle dimissioni forzate. Rashid ha assunto un ruolo importante nel permettere all'Esercito iracheno di riprendere la sua iniziativa contro l'Iran.

ma nonostante i suoi meriti nella Guerra Iran-Iraq, alla fine del conflitto fu messo agli arresti una misura presa contro i generali più influenti per evitare che arrivassero a minacciare la stabilità del regime ba'athista.[3] Rashid venne scarcerato soltanto in seguito alla fine della Guerra del Golfo quando in Iraq esplosero le rivolte della popolazione sciita contro il regime ba'athista e Saddam Hussein chiese il suo aiuto per sedare tali rivolte.[4]

non tutte le valutazione su di lui sono positive ad esempio il generale della Guardia repubblicana irachena Ra'ad al-Hamdani lo defini come uno dei più "stupidi generali dell'esercito iracheno".[5]

Rashid ottene da Saddam Hussein il comando del comando sud delle Forze armate irachene durante l'invasione statunitense nel 2003, Saddam lo nomino anche supervisore generale del 3° del 4º e del 7º corpo dell'Esercito iracheno. In seguito alla caduta del regime Rashid scomparve prima di essere arrestato nel luglio 2003 a Tikrit, in seguito alla sua cattura passo i successivi cinque anni in carcere.

durante il suo tempo in carcere diversi dei suoi parenti furono uccisi o rapiti, suoi figlio Maher fu ucciso il 23 luglio 2003 in uno scontro a fuoco con le forze statunitensi un altro suo figlio Abdullah Maher e suo nipote Marwan Taher furono arrestati a Tikrit l'8 marzo 2005 in seguito a una segnalazione dei cittadini. Rashid fu sospettato anche di aver ricevuto diversi fondi dal suo genero Qusayy Saddam Hussein con cui avrebbe finanziato l'insurrezione in Iraq.

in seguito al suo rilascio nel 2008 tornò a vivere a Tikrit nella sua fattoria.

Rashid è morto il 29 giugno 2014 nell'ospedale della città di Sulaymaniyya, due mesi dopo aver subito un infarto.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) The Iraqi Tribes and the Post-Saddam System, 8 luglio 2003. URL consultato il 1º dicembre 2019.
  2. ^ Karsh, Efraim The Iran-Iraq War 1980–1988, London: Osprey, 2002 page 48
  3. ^ Tripp, Charles (2002) [2000]. A History of Iraq (2nd ed.). The Edinburgh Building, Cambridge: Cambridge University Press. p. 249. ISBN 0-521-52900-X.
  4. ^ Woods, Kevin M. (2009). Saddam's War: An Iraqi Military Perspective of the Iran-Iraq War. Washington, D.C.: Institute for National Strategic Studies, National Defence University. p. 80. ISSN 1071-7552.
  5. ^ (EN) Saddam's generals :perspectives of the Iran-Iraq War /Kevin M. Woods ... [et al.]..