Magnolia × soulangeana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Magnolia × soulangeana
171 Magnolien.JPG
Classificazione APG IV
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
(clade) Angiosperme
(clade) Mesangiosperme
(clade) Magnoliidi
Ordine Magnoliales
Famiglia Magnoliaceae
Genere Magnolia
Specie M. × soulangeana
Classificazione Cronquist
Dominio Eukaryota
Regno Plantae
Divisione Magnoliophyta
Classe Magnoliopsida
Ordine Magnoliales
Famiglia Magnoliaceae
Genere Magnolia
Specie M. × soulangeana
Nomenclatura binomiale
Magnolia × soulangeana
Soul.-Bod., 1826
Nomi comuni

(EN) Chinese magnolia, saucer magnolia[1]

Magnolia × soulangeana Soul.-Bod., 1826 è un ibrido interspecifico ottenuto dall'incrocio tra Magnolia denudata con Magnolia liliiflora.[2][3]

È un albero con foglie caduche con larghi e precoci fiori di colore variabile dal bianco, rosa, fino al viola. È una delle specie più usate in orticoltura, largamente coltivata in Gran Bretagna, specialmente nel sud dell'Inghilterra; e negli Stati Uniti, in particolare sulle coste orientali ed occidentali[4].

Origine dell'ibrido[modifica | modifica wikitesto]

L'ibrido è stata originariamente creato dal francese Étienne Soulange-Bodin, un ufficiale in pensione della cavalleria napoleonica, nel suo castello di Fromont, vicino a Parigi.[5][6]. Dalla Francia l'ibrido entrò velocemente in coltivazione in Inghilterra e in altre parti di Europa, e anche in Nord America. Da allora, gli ibridatori di piante di molti paesi hanno continuato a migliorare questa specie. Oltre un centinaio di varietà coltivate (cultivar) sono oggi conosciute e coltivate[4].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Questa pianta cresce producendo molte branche basali a formare un largo cespuglio o un piccolo albero. Sui robusti rami porta foglie alterne, semplici e lucenti, di colore verde scuro e forma ovale.

I fiori sbocciano in gran numero sull'albero ancora spoglio, all'inizio della primavera. Le foglie cominciano ad accrescersi subito dopo e vi rimangono fino all'autunno. I fiori della Magnolia × soulangeana sono larghi, con un diametro medio di 10–20 cm, variamente colorati dal bianco, rosa, al marrone rossastro. Una varietà americana, 'Grace McDade' dell'Alabama, è considerata la varietà con i fiori più grandi, con 35 cm di diametro, di colore rosa-violetto e bianco. Magnolia x soulangeana 'Jurmag1', ha i fiori più scuri e compatti di tutte le altre varietà. Il momento preciso della fioritura e la sua durata cambiano da varietà a varietà, così come la forma del fiore. Qualche varietà possiede fiori globulari, altre hanno fiori a forma di coppa o più appiattita.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

La pianta è largamente coltivata in molti paesi europei, soprattutto in Inghilterra, e sulla fascia litorale dell'America settentrionale.

Coltivazione[modifica | modifica wikitesto]

Questa magnolia è nota per la sua facilità di coltivazione e la sua relativa tolleranza al vento e ai suoli alcalini (due vulnerabilità di molte altre specie di Magnolia).

Usi[modifica | modifica wikitesto]

È usata come pianta ornamentale in molti giardini e parchi, coltivata a cespuglio o ad albero solitario.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Magnolia x soulangeana, su ncbi.nlm.nih.gov. URL consultato il 13 gennaio 2015.
  2. ^ (EN) Magnolia × soulangeana Soul.-Bod., su Plants of the World Online, Royal Botanic Gardens, Kew. URL consultato il 20 gennaio 2021.
  3. ^ (EN) Magnolia × soulangeana Soul.-Bod., su ipni.org. URL consultato il 20 gennaio 2021.
  4. ^ a b Jim Gardiner, Magnolias: A Gardener's Guide, Portland, Oregon, Timber Press, 2000, pp. 265–80, ISBN 0-88192-446-6.
  5. ^ Soulange-Bodin, E. (1826), Notice sur une nouvelle espèce de magnolia contenuto in: Bulletin des Sciences Agricoles et Économique, Tome VI, (Paris): 57
  6. ^ In Mémoires de la Société Linnéenne de Paris, vol. 5 (1827): lxxiii

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Botanica Portale Botanica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di botanica