Luciano Fontana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Luciano Fontana nel 2018.

Luciano Fontana (Frosinone, 11 gennaio 1959) è un giornalista italiano, direttore dal 1º maggio 2015 del «Corriere della Sera».

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la maturità scientifica si laurea in filosofia alla Sapienza di Roma[1] discutendo la tesi con Tullio De Mauro. Attivo nella FGCI di Frosinone intraprende la carriera giornalistica come corrispondente dell'ANSA dalla sua città natale[2]. Nel 1986 viene assunto come praticante nella redazione de «l'Unità», diretta da Emanuele Macaluso. Vi rimane undici anni scrivendo di cronaca e politica. Walter Veltroni lo nomina capo dell'ufficio centrale.

Nel 1997 entra al «Corriere della Sera» come numero due di Paolo Ermini all'ufficio centrale[1]. Dopo tre anni ne diventa capo. Nel 2003 è nominato vice direttore (direttore è Stefano Folli). Mantiene il ruolo con il successore Paolo Mieli. Nel 2009 riceve la nomina a condirettore.

Dal 1º maggio 2015 succede a Ferruccio de Bortoli alla direzione del quotidiano milanese.[3]

Opere pubblicate[modifica | modifica wikitesto]

2018 - Un Paese senza leader. Storie, protagonisti e retroscena di una classe politica in crisi, Milano, Longanesi, ISBN 9788830449572.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN6625153063201119320004 · LCCN (ENno2019006726 · WorldCat Identities (ENno2019-006726