Locomotiva FS 745

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
FS 745
Locomotiva a vapore
Anni di progettazione 1912
Anni di costruzione 1913 - 1923
Anni di esercizio 1913- 1968
Quantità prodotta 73
Costruttore Breda, Ansaldo
Dimensioni 20.460 x 2.605 x 4.250 mm
Interperno 8.200 mm
Passo dei carrelli 2.600 mm
Rodiggio 1-4-0
Diametro ruote motrici 1.600 mm
Distribuzione Walschaerts
Potenza continuativa 1.250 CV a 55 km/h
Sforzo trazione massimo 14.500 kg
Velocità massima omologata 75 km/h
Alimentazione carbone

La locomotiva gruppo 745 è una locomotiva a vapore delle Ferrovie dello Stato con rodiggio 1-4-0 a vapore surriscaldato a 2 cilindri interni e a semplice espansione con velocità massima di 75 km/h

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le locomotive del gruppo 745 vennero progettate e costruite negli anni precedenti la prima guerra mondiale allo scopo di risolvere il problema del traino di treni pesanti su linee ferrate che presentavano forti acclività.

La locomotiva fu costruita con il classico rodiggio 1-4-0. Il diametro delle ruote motrici non troppo piccolo ricalcò quello di tante già esistenti locomotive per treni viaggiatori permettendone un uso polivalente; ne risultò una macchina in grado di raggiungere i 75 km/h con una potenza continuativa di 1.250 cavalli alla velocità di 55 chilometri orari.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

La locomotiva era fornita di una caldaia della lunghezza totale di 9.775 mm con una pressione massima di 12 bar fornita di surriscaldatore di vapore tipo Schmidt. Era una macchina a semplice espansione con cilindri interni. La distribuzione era del tipo Walschaert con distributori cilindrici esterni. Tale filosofia costruttiva era già stata collaudata e sviluppata per altri gruppi di locomotive FS come il 640 e 625. La potenza continuativa sviluppata dalla locomotiva, a 55 km/orari era di 1250 cavalli. La locomotiva era costituita da un carro su cui erano disposte le quattro ruote motrici del diametro (a cerchioni nuovi) di 1.600 mm e una sala anteriore che costituiva un carrello di tipo italiano con la prima ruota accoppiata.

La locomotiva era dotata di apparecchiature e condotte per il riscaldamento a vapore delle carrozze. Il sistema frenante prevedeva, oltre al freno a mano di stazionamento, il freno moderabile e il freno continuo automatico ad aria compressa. Il tender, a carrelli, era da 18 tonnellate d'acqua e 6 tonnellate di carbone.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Trasporti Portale Trasporti: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di trasporti